Pedagogia della disabilità 2010-11

Stanza di collaborazione della classe del corso di Pedagogia della disabilità (tit. O. De Sanctis) a cura di Floriana Briganti a.a. 2010-11 periodo marzo-maggio 2011


    15bis. Teoria: tecnologie invasive, iniziamo a conoscerle a rifletterci

    Condividi

    antonellacecere

    Messaggi : 24
    Data d'iscrizione : 04.03.11

    Re: 15bis. Teoria: tecnologie invasive, iniziamo a conoscerle a rifletterci

    Messaggio  antonellacecere il Mar Mag 03, 2011 12:07 pm

    Ieri in aula abbiamo parlato delle tecnologie invasive che sono intese come una invasione del corpo umano.
    Esse raccontano di questo nuovo individuo che non si sdoppia nel digitale ma è cyborg,è impianto nel suo essere reale.
    Credo che queste tecnologie possono essere positive se vengono usate per aiutare una persona a vivere meglio e a sentirsi bene.

    antonellacecere

    Messaggi : 24
    Data d'iscrizione : 04.03.11

    Re: 15bis. Teoria: tecnologie invasive, iniziamo a conoscerle a rifletterci

    Messaggio  antonellacecere il Mar Mag 03, 2011 12:08 pm

    Ieri in aula abbiamo parlato delle tecnologie invasive che sono intese come una invasione del corpo umano.
    Esse raccontano di questo nuovo individuo che non si sdoppia nel digitale ma è cyborg,è impianto nel suo essere reale.
    Credo che queste tecnologie possono essere positive se vengono usate per aiutare una persona a vivere meglio e a sentirsi bene.
    avatar
    giovannarennella

    Messaggi : 22
    Data d'iscrizione : 05.03.11

    Re: 15bis. Teoria: tecnologie invasive, iniziamo a conoscerle a rifletterci

    Messaggio  giovannarennella il Mar Mag 03, 2011 1:02 pm

    Oggi in aula abbiamo iniziato ad affrontare il tema delle tecnologie invasive.Queste tecnologie sono dette invasive perché sono una vera e propria invasione del corpo umano.Un esempio molto famoso di tecnologia invasiva,citato anche dalla professoressa,è quello di Xmen ovvero un uomo che ha degli artigli e li usa come delle armi.Ma questi artigli non sono come la protesi di Pistorius che può essere tolta,ma questa è incarnata,corpo e tecnologia sono uniti Queste tecnologie stanno modificando il nostro corpo umano sempre di più.Si influenzano reciprocamente corpo e tecnologia.Non si tratta più di usare gli artefatti tecnologici ma di accoglierli all’interno del nostro corpo. A proposito del paradigma dell’incompletezza l'uomo è visto come un essere fragile e manchevole che và aggiustato,potenziato e in questo caso trasformato..si và oltre l'umano, cioè si parla di Post umano. Questa è l’opinione di Arnold Gehlen che sostiene che le ineguatezza biologiche vanno compensate mediante la tecnologia.Insomma la tecnologia ci sta aiutando a superare qualsiasi tipo di ostacolo ,stiamo diventando dei cyborg umani.

    avatar
    MagdaVisconti

    Messaggi : 24
    Data d'iscrizione : 04.03.11

    Re: 15bis. Teoria: tecnologie invasive, iniziamo a conoscerle a rifletterci

    Messaggio  MagdaVisconti il Mar Mag 03, 2011 3:28 pm

    Oggi in aula con la docente abbiamo incominciato a parlare delle "Tecnologie Invasive", tecnologia che appunto è invasiva e invade il corpo umano. Le tecnologie invasive - gli impianti (tecnologia come invasione del corpo) e il cyborg. I riferimenti teorici provengono da ricerche e studi internazionali, soprattutto delle studiose Donna Haraway e Rosi Braidotti.le tecnologie invasive sono all ‘interno, non più come Pistorius cioè esterne quindi passiamo dalle tecnologie integrative a quelle invasive….In questo caso corpo e tecnologie sono unite, tutti gli oggetti del corpo umano come dice Andreoli riprendendo le tecnologie estensive come il telecomando, il cellulare, si stanno “CONTAMINANDO” .
    NON SI TRATA PIU’ SOLTANDO DI USARE GLI ARTEFATTI TECNOLOGICI, MA DI ACCOGLIERLI ALL’INTERNO DEL CORPO BIOLOGICO.
    Il testo di ARNOLD GEHLEN dice che: la sua natura e il suo posto nel mondo ,sostiene che le inadeguatezze biologiche vengono compensate madiante la tecnologia:” L’uomo è organicamente un essere manchevole,egli sarebbe indotto alla vita in ogni ambiente naturale e così deve crearsi una seconda natura,un mondo di rimpiazzo,approntato artificialmente e a lui adatto,che possa cooperare con il suo deficiente equipaggiamento.
    avatar
    annamariaruopoli

    Messaggi : 32
    Data d'iscrizione : 03.03.11
    Età : 29
    Località : Pozzuoli

    Re: 15bis. Teoria: tecnologie invasive, iniziamo a conoscerle a rifletterci

    Messaggio  annamariaruopoli il Mar Mag 03, 2011 3:35 pm

    La tecnologia invasive è intesa come un invasione del corpo umano. Le tecnologie inasive raccontano di un idividuo che non si sdoppia nel digitale, ma è un cyborg impiantato nel suo essere reale. Caronia nel suo testo "Il Cyborg.Saggio sull'uomo artificiale" parla di un computer come cyborg pensando ad un cyborg -organo quando l'uomo diventa una sola cosa con l'elaboratore elettronico in quanto è collegato alla realtà virtuale, quindi sono ancora tecnologie estensive che si possono facilmente confondere con quelle invasive, mentre il cyborg delle tecnologie invasive sono un vero e proprio corpo impiantato. Il termine cybernetic organism, è stato coniato nel 1960 da Clynes e significa organismo cibernetico esso è inteso come organismo che integra elementi esterni per espandere le funzioni del proprio corpo per diversi ragioni. Esistono diverse creature artificiali che si confondono nella definizione di cyborg umanoide, androide e robot. Con il termine robot si intende qualsiasi macchina in grado di svolgere indipendentemente il lavoro che viene svolto da più uomini, mentre il termine umanoide si intende qualsiasi oggetto o essere vivente con una forma somigliante a quello dell'essere umano.L'androide sono dei robot umanoidi somiglianti all'essere umano artificiale , ma non equivalenti al cyborg, egli è privo di elementi organici. Le tecnologie invasive sono positive in caso di sostituzione di un organo o l'aggiunta di una protesi perchè permettono in alcuni casi la sopravvivenza, in altri la possibilità di vivere una vita migliore,quando però sfuma il confine tra essere umano e cyborg perchè si vuole raggiungere la perfezione del corpo o per ottenere delle forze superiori come X-men o per un alto tasso di spettacolarità è necessario fermarci a riflettere anche sugli aspetti negativi.

    gaetanatartaglione

    Messaggi : 25
    Data d'iscrizione : 03.03.11

    Re: 15bis. Teoria: tecnologie invasive, iniziamo a conoscerle a rifletterci

    Messaggio  gaetanatartaglione il Mar Mag 03, 2011 4:01 pm

    La tecnologia invasiva è intesa come una invasione del cosrpo umona. Il corpo è più un modello da riprodurre artificialmente ma è il terreno delle nuove sperimentazioni, è la materia prima del mutamento.E' il soggetto invaso e protagonista del nuovo modo di essere e comunicare. Quindi le tecnologie invasive raccontano di questo nuovo individuo che non si sdoppia nel digitale, ma è cyborg, è impianto nel suo essere reale. Caronia parla di computer cyborg pensando ad un cyber-organo, quando cioè l'uomo diventa una sola cosa con l'elaboratore elettronico. Il cyborg di cui parla Caronia è il nostro avatar, si parla ancora di estensione, di artificializzazione come realtà virtuale e di cyborg come personaggio collegato al computer. Il cyborg è un essere mezzo uomo mezzo tecnologia, possiede cioè un innestoo una protesi, che sia un orecchio bionoci, un braccio impiantato. La Cibernetica intende raggiungere l'obiettivo di creare macchine artificiali che abbiano le stesse prestazioni del cervello umano. Con la cibernetica e l'intelligenza artificiale subentra la possibilità che le macchine possano pensare. Non si tratta di estensioni virtuali ma di protesi di diverso tipo. Il cyborg, però deve essere distinto dal robot, dall'umanoide e dall'androide. Il robot è una macchina in grazo di svolgere più o meno un lavoro al posto dell'uomo, ad esempio come le lavatrici e gli elettrodomestici che sono robot da cucina. L'umanoide è qualsiasi oggetto o essere vivente con forma analoga, somigliante a quella dell'essere umano. Un robot con sembianze umane nei movimenti e nella forma è detto androide. Credo che queste tecnologie invasive siano positive in quanto possono migliorare la vita di un individuo, può aiutarlo a vivere una vita serena!!
    avatar
    mariagaglione

    Messaggi : 29
    Data d'iscrizione : 03.03.11
    Età : 27
    Località : napoli

    tecnologie invasive...

    Messaggio  mariagaglione il Mar Mag 03, 2011 4:10 pm

    In aula oltre al meraviglioso incontro con Adele abbiamo introdotto il discorso sulle tecnologie invasive,ovvero il soggetto invaso dalle tecnologie.
    Le tecnologie invasive molto spesso vengono confuse con le teconologie estensive, in quest'ultime la tecnologia viene vista come prolungamento delle capacità dell'uomo,mentre nelle tecnologie invasive vi è proprio l'invasione del corpo umano,si parla infatti di impianto.
    L'uomo viene visto come cyborg,ovvero impianto nel suo essere reale,dove corpo e tecnologia sono unite.
    Attraverso queste tecnologie si arriva ad accogliere artefatti tecnologici all'interno del corpo,e non più solo usarli (tecnologie estensive).
    Un' altra distinzione da fare è tra le tecnologie intergrative dove vi è la presenza di una protesi che si mette e si toglie,mentre nelle tecnologie invasive vi è proprio la sostituzione di un organo.
    Un noto studioso, Granelli ,a tal proposito attraverso il "paradigma dell'incompletezza", afferma che l'uomo non è completo e quindi per esserlo ha bisogno della tecnologia.
    Esistono alcune creature artificiali che si confondono con il cyborg ovvero:il robot (una macchina che svolge un lavoro sostituendo l'uomo),l'androide(un robot con sembianze umane) e l'umanoide (un essere vivente o un oggetto con una forma simile all'essere umano),mentre il cyborg è costituito da parti biologiche e parti artificiali.
    Credo che utilizzare questo tipo di tecnologia risulta positivo per migliorare la qualità di vita di una persona,che attraverso un impianto può continuare a sperare, ma sopratutto a vivere.
    avatar
    Rossella Tomeo

    Messaggi : 21
    Data d'iscrizione : 08.03.11
    Età : 30
    Località : Caserta

    Re: 15bis. Teoria: tecnologie invasive, iniziamo a conoscerle a rifletterci

    Messaggio  Rossella Tomeo il Mar Mag 03, 2011 4:16 pm

    Abbiamo già parlato di corpi protesici (ovvero dei corpi provvisti di protesi) soffermandoci in primis sulle cosiddette tecnologie integrative ( ad esempio le protesi agli arti, quelle estetiche,ecc), passando poi alle tecnologie estensive ( ovvero quelle estensioni del corpo fornite dalle nuove tecnologie), ed infine ieri abbiamo iniziato un approccio a quelle tecnologie dette INVASIVE.
    Le tecnologie sono INVASIVE quando sono intese come invasione del corpo.
    "Non si tratta più soltanto di usare gli artefatti tecnologici
    ma di accoglierli sll'interno del corpo biologico"

    CAPUCCI afferma:
    "Il corpo vuoto diviene un contenitore, non del sé o dell’anima, ma semplicemente di una scultura.
    Lo spazio elettronico ristruttura l’architettura del corpo e ne moltiplica le possibilità operative”
    La tecnologia permea sempre più pronondamente in noi fino ad essere parte integrante del nostro essere.
    Una ibridazione della tecnologia con il corpo biologico: un CYBORG ( "cybernetic organism; termine coniato nel 1960 da M.E.Clynes e N.Kline che indica un essere umano potenziato per vivere in ambienti exstraterrestri ("Corpo,tecnologie e disabilità" F.Briganti) ).
    Una profonda unione tra l'uomo e le sue invenzioni non è una novità dei nostri tempi. In un certo senso siamo sempre stati cyborg, basti pensare ai nostri antenati che lavorando la pietra costruivano utensili per la caccia, utilizzandoli proprio come estensione del proprio corpo. In questa sede però facciamo riferimento a quelle tecnologie che invadono nel senso stretto della parola i nostri corpi: le protesi, non quelle mobili che all'occorrenza possono essere tolte,ma quelle che fanno parte del corpo biologico in modo definitivo!
    Certo la questione principale è sicuramente quella etica perchè la tecnologia ha sicuramente migliorato la vita di molte persone, e tanti sono gli studi tutt'ora in corso per migliorarsi sempre più! ( http://mag.wired.it/rivista/storie/hugh-herr-l-impronta-dell-evoluzione.html ) ( http://futuroprossimo.blogosfere.it/2009/05/16-vere-tecnologie-per-cyborgs.html ) . In laboratorio numerosi scienziati studiano un modo per poter riprodurre interi organi umani per impianti in caso di danneggiamento dell'organo biologico! Beh,è inutile commentare che sarebbe un grandissimo passo avanti e soprattutto una innovazione che potrebbe cambiare la vita a molte persone, basti pensare a coloro che sono il lista per un cuore nuovo o per un rene! Anche la chirurgia estetica è una tecnologia invasiva se ci riferiamo ad esempio a protesi al seno, ma in quel caso è davvero necessario cambiare il proprio corpo, modificarlo e avvicinarlo ad un ideale che non è altro che il prodotto di una società così scialba e consumista come sta diventando la nostra? Io penso che in pochi casi la chirurgia estetica sia stata utilizzata per "curare" problemi seri ( e ce ne sono davvero molti ), però non condanno nemmeno chi decide di ritoccare il proprio corpo se questo le consente di vivere meglio! Il punto è a mio avviso che ognuno di noi si accetterebbe volentieri qualsiasi sia il suo corpo se non si sentisse continuamente sotto giudizio dalla società, una società basata proprio sull'aspetto, sul "bello", sull'apparenza! Se la richiesta sociale è questa allora dobbiamo forse adeguarci? Del resto tutti sappiamo che il primo contatto con l'altro avviene attraverso la vista, ma sappiamo anche che c'è di più dietro quella immagine, un di più che difficilmente andiamo a cercare ( un di più che noi "futuri educatori" dobbiamo pretendere di trovare!).


    Ultima modifica di Rossella Tomeo il Mer Mag 11, 2011 10:02 am, modificato 2 volte
    avatar
    Marisa Gallo Cantone

    Messaggi : 26
    Data d'iscrizione : 07.03.11
    Età : 31
    Località : ROTONDI

    15 bis teoria: tecnologie invasive, iniziamo a conoscerle a rifletterci

    Messaggio  Marisa Gallo Cantone il Mar Mag 03, 2011 4:18 pm

    Oggi in aula abbiamo affrontato il tema della tecnologia invasiva…
    La tecnologia è invasiva quando è intesa come una invasione del corpo umano.
    Il termine invasione può avere notevoli varianti, infatti quando si parla di invasione si pensa sempre ad un impianto…quindi le tecnologie invasive raccontano di questo nuovo individuo che non si sdoppia nel digitale,ma è cyborg, è impianto nel suo essere reale.
    Il Cyborg cioè quando l’uomo diventa una sola cosa con l’elaboratore elettronico definito da lui cyber – organo. Il cyber di cui parla Caronia è il nostro avatar perchè fa riferimento ad un personaggio collegato al computer,Quelle di cui lui parla quindi sono ancora tecnologie estensive,facilmente confondibili con quelle invasive .Il cyborg delle tecnologie invasive invece,fa riferimento ad un vero e proprio corpo impiantato.
    Fino a 10 anni fa erano pochissime le persone che parlavano di corpo tecnologico, il primo è stato Capucci.
    Capucci ha curato il testo il corpo tecnologico. L’influenza delle tecnologie sul corpo e sulle sue facoltà…in questo testo, il corpo nella sua totalità psicologica, fisica, biologica, si lascia invadere piacevolmente e positivamente dalle nuove proposte tecnologiche contemporanee.
    Gli strumenti tecnologici e i loro artefatti, influenzano il corpo a vari livelli psicologico, fisico, culturale e biologico.
    La riflessione è rivolta allo sviluppo tecnologico recepito come una storta di acceleratore evolutivo che comporta in primo luogo una ridefinizione del rapporto tra uomo e mondo: tra corpo e spazio esterno.
    Stelarc pensa che il corpo umano risulta obsoleto, auspica un corpo sostituito da una macchina.
    Questo autore ci parla di un corpo incapace di soddisfare le nostre aspettative, e le nuove tecnologie risultano essere supporti fondamentali di queste idee.
    Sono molte le occasione nella vita di tutti i giorni in cui è possibile soffermarsi a riflettere come e quanto la tecnologia stia modificando il corpo umano.
    Gli artefatti tecnologici sono sempre più piccoli e potenti. Artefatti, da oggetti esterni all’uomo e ben distinguibili dal suo corpo, dai suoi sensi e dalla sua mente, diventano ora sue estensioni materiali e immateriali: trasformano, accrescono le sue capacità sensoriali e mentali, la sua percezione della realtà.

    luanacirma

    Messaggi : 22
    Data d'iscrizione : 04.03.11
    Età : 28
    Località : maddaloni

    Re: 15bis. Teoria: tecnologie invasive, iniziamo a conoscerle a rifletterci

    Messaggio  luanacirma il Mar Mag 03, 2011 4:35 pm

    Per il commento di oggi,avrei voluto inserire delle immagini,ma a causa della mia poca conoscenza informatica,non sono stata in grado👅 tongue tongue
    Con l'avvento delle tecnologie(riferite a quelle più sviluppate)e con gli effetti speciali,dovuti dai computer,solo al cinema o in tv,si poteveno,con tanto stupore,vedere queste persone,mezze mutanti,che parte del loro corpo,o anche solo gli arti,erano sostituiti da "oggetti",pezzi di rottame!
    basta ricordare il film,edward mani di forbici...x-man...o nei cartoni animati,come capitano uncino...e ancora tanti altri..
    Oggi possiamo liberamente dire che la tecnologia ha preso il sopravvento sugli uomini...tale da arrivare alle tecnologie estensive!
    Gli uomini decidono di sostituire parti del loro corpo,con protesi...(talvolta per necessitudine,nei tristi casi di chi subisce incidenti).
    Ma prima di tutto dobbiamo chiederci,per quale motivo si arriva a tanto?
    Una verA innovazione(all'epoca)furono le protesi al seno...o tutto ciò che comporta la chirurgia plastica...oggi...si sente in tv,sui giornali,storie quasi insurreali...gente che decide di farsi applicare la coda come i gatti..o protesi al viso per somigliare a qualche personaggio dei fumetti...ma dico,non è che davvero stiamo esagerando?

    cara Luana per le immagini che vuoi inserire domani chiedi a nunzia se può aiuatarti, altrimenti ne parliamo lunedì.
    la docente
    avatar
    Anna Rita Barbati

    Messaggi : 29
    Data d'iscrizione : 04.03.11

    Re: 15bis. Teoria: tecnologie invasive, iniziamo a conoscerle a rifletterci

    Messaggio  Anna Rita Barbati il Mar Mag 03, 2011 4:50 pm

    Ieri in aula abbiamo cominciato a parlare delle tecnologie invasive cioè tecnologie che invadono il corpo umano e quindi bisogna accogliere un impianto nel proprio corpo;secondo me questa tecnologia migliora la vita.
    avatar
    vera.panico

    Messaggi : 23
    Data d'iscrizione : 03.03.11
    Età : 29
    Località : Giugliano(Na)

    Re: 15bis. Teoria: tecnologie invasive, iniziamo a conoscerle a rifletterci

    Messaggio  vera.panico il Mar Mag 03, 2011 4:53 pm

    .Ieri in aula abbiamo iniziato la riflessione sulle tecnologie invasive dove la visione di Capucci e positiva rispetto a queste innovazioni,non si ha più paura di esse.Questo nasce da una ideologia di fondo: "IL Paradigma dell'Incompletezza",uomo è visto come un essere fragile.Questo argomento lo troviamo quasi alla fine del 2 libro dove parla anche di cyborg di Caronia che è diverso da quello che abbiamo trattato perchè tratta solo di cose virtuali.... Smile


    Ultima modifica di vera.panico il Mer Mag 04, 2011 7:28 pm, modificato 1 volta
    avatar
    angelaesposito

    Messaggi : 30
    Data d'iscrizione : 07.03.11

    tecnologie invasive

    Messaggio  angelaesposito il Mar Mag 03, 2011 4:57 pm

    lunedi in aula abbiamo inziato a parlare di tecnologie invesive,ovvero un invasione del corpo umano(tecnologia interna,"INCARNATA").
    Questa volta non si tratta di usare artefatti tecnologici ma di accoglierli all'interno del corpo biologico.
    "Gehlen infatti sostiene che le inadeguatezze biologiche vengono compensate mediante la tecnologia".
    Nel libro: CORPO TECNOLOGICO,ci dice che il corpo nella sua totalità psicologica,fisica,biologica si lascia invedere piacevolmente e POSITIVAMENTE dalle nuove proposte tecnologiche contemporanee,divenendo un habitat di esse.

    "IL CORPO NON E' UN MIO AVERE MA E' UN MIO ESSERE"


    vincenza d'agostino

    Messaggi : 30
    Data d'iscrizione : 03.03.11
    Età : 28
    Località : giugliano

    Re: 15bis. Teoria: tecnologie invasive, iniziamo a conoscerle a rifletterci

    Messaggio  vincenza d'agostino il Mar Mag 03, 2011 5:24 pm

    La tecnologia invasiva è intesa come una invasione del corpo umano, l’individuo è cyborg, proprio come lo definisce Caronia nel suo saggio sull’uomo artificiale, parla di un cyber-organo, cioè quando l’uomo diventa una cosa sola con l’elaboratore elettronico ma molte persone rifiutano queste tecnologie. Il termine cyborg nasce da cybernetic organism, cioè organismo cibernetico e indica l’unione tra elementi artificiali e un organismo biologico. Il soggetto invaso è protagonista del nuovo modo di essere e comunicare è un personaggio collegato al computer. Non si tratta di estensioni virtuali ma di protesi e organi artificiali di diverso tipo e possono variare e ci si possono mettere partendo dall’arto e finendo al seno … non si usano solo per estetica ma anche per salute, si potrebbe parlare di pacemaker che è capace di stimolare elettricamente la contrazione del cuore quando questa non viene assicurata in maniera normale dal tessuto di conduzione cardiaca. Io penso che sia giusto dal lato medico introdurre nuove tecnologie.


    fabianaspena

    Messaggi : 28
    Data d'iscrizione : 03.03.11

    tecnologie invasive

    Messaggio  fabianaspena il Mar Mag 03, 2011 5:34 pm

    L'ALTRO GIORNO ABBIAMO INCOMINCIATO AD AFFRONTARE IL TEMA DELLE TECNOLOGIE INVASIVE INTESA COME UN INVASIONE DEL CORPO UMANO CIOE' L'IMPIANTO DI PROTESI O NUOVE TECNOLOGIE CHE VENGONO INTRODOTTE NEL NOSTRO CORPO.
    CARONIA DEFINISCE L'INDIVIDUO COME CYBORG IN PARTICOLAR MODO CI PARLA DELL'AVATAR COME UN PERSONAGGIO COLLEGATO ALLA REALTA' VIRTUALE.
    POI NEL TESTO CI SONO SCRITTE LE CARATTERISTICHE CHE SI CONFONDONO CON IL CYBORG:UMANOIDE,ANDROIDE E ROBOT INTRODOTTE NEL TESTO DI NAIEF YEHYA.
    OGGI LA TECNOLOGIA INFLUENZA IN PARTICOLAR MODO L'INDIVIDUO.
    E PROPRIO GRAZIE ALLA TECNOLOGIA CHE LA VITA DELLE PERSONE E' CAMBIATA, PROBABILMENTE IN MEGLIO PERCHE' SOLO GRAZIE AL PROGRESSO,ALLA TECNOLOGIA CHE POSSIAMO RISOLVERE ALCUNI PROBLEMI LEGATI ALLE MALATTIE PER ESEMPIO IL CASO DI OSCAR PISTORIUS CHE CAMMINA E CORRE GRAZIE A DELLE PROTESI IN FIBRA DI CARBONIO.

    avatar
    Adriana Moscatiello

    Messaggi : 25
    Data d'iscrizione : 03.03.11

    Re: 15bis. Teoria: tecnologie invasive, iniziamo a conoscerle a rifletterci

    Messaggio  Adriana Moscatiello il Mar Mag 03, 2011 5:55 pm

    Ci ritroviamo di nuovo a commentare le reazione dell'uomo di fronte all'avvento di questa tecnologia, che quasi si è impadronita del suo corpo. La tecnologia invasiva è intesa come una invasione del corpo umano, l’individuo è cyborg, come viene definito da Caronia nel suo saggio riguardante l'uomo artificiale, dove sottolinea il fatto di come l'uomo sia ormai diventato una cosa sola con l’elaboratore elettronico. Il termine cyborg sta a significare l’unione tra elementi artificiali e un organismo biologico. Sono stati proprio Clynes e Nathan nel 1960 a fondare questo termine ed il suo conseguente significato in quanto ritenevano che per l'uomo fosse importante ormai unire la tecnologia con il proprio corpo per poter sopravvivre in questo mondo diverso, quasi extraterrestre. Abbiamo quindi potuto costatare che il nostro corpo quando viene definito" invaso dalle tecnologie invasive " sta a sognificare che esso è caraterizzato dalla presenza di protesi, che rendono l'organismo funzionante nonostante ci siano delle malformazioni o mancanze di organi, che hanno reso l'organismo in qualche modo ARTIFICIALE, perchè questi impianti sono stati utilizzati sia in campo genetico che in quello dell'estetica grazie quindi la chirurgia.
    IO ritengo molto importante l'utilizzo di questa pratica, come quelle delle protesi, come anche l'utilizzo dello tecnologia nel campo della medicina, perchè riescono entrambe a rendere " quasi " normale la vita di coloro affetti da diversità fisiche, rendendoli quindi persone che riescono a vivere normalmente la loro quotidianetà.

    LuciaDeGregorio88

    Messaggi : 17
    Data d'iscrizione : 03.03.11
    Età : 30
    Località : napoli

    Re: 15bis. Teoria: tecnologie invasive, iniziamo a conoscerle a rifletterci

    Messaggio  LuciaDeGregorio88 il Mar Mag 03, 2011 6:15 pm

    le tecnologie invasive sono ben differenti da quelle integrative,perchè mentre queste ultime possono essere rimosse,sono esterne ,quelle integrative restano all'interno dell'uomo ,diventando un tutt'uno con lui.Ganelli fu uno dei primi a parlare di tecnologie invasive ,affermando ,citando Gehlen,che "l'uomo è un essere manchevole e si completa con la tecnolgia".Questo è un nuovo modo di rapportarsi alle nuove scoperte,l'uomo non ha più paura come negli anni 80,ma al contrario,si completa,migliora con esse!l'immagine di X-man (mutante) un uomo con gli artigli di ferro impiantato nelle mani è un immagine molto forte e a mio parere molto violenta,però rende ben l'idea di invasione,ossia di fusione ,tra uomo e tecnologie.la possibilità di utilizzare una mano bionica,un braccio,una gamba..ect. è un grandissimo passo in avanti che la scienza ci ha permesso di fare ed è un qualcosa di eccezionale..chissà cosa riusciranno a fare domani ,ma fin quando queste scoperte donano una "nuova vita "all'uomo sono le benvenute
    avatar
    talyèdirmilli

    Messaggi : 28
    Data d'iscrizione : 03.03.11

    Re: 15bis. Teoria: tecnologie invasive, iniziamo a conoscerle a rifletterci

    Messaggio  talyèdirmilli il Mar Mag 03, 2011 6:22 pm

    IN AULA LA PROFESSORESSA BRIGANTI HA INIZIATO A PARLARE DELLE TECNOLOGIE INVASIVE, QUESTE SONO INTESE COME INVASIONE DEL CORPO UMANO. LE TECNOLOGIE INVASIVE RACCONTANO DEL NUOVO INDIVIDUO CHE NON SI SDOPPIA NEL DIGITALE MA E' CYBORG,E' IMPIANTATO NEL SUO ESSERE REALE.CARONIA NEL SUO TESTO PARLA DI COMPUTER COME CYBORG PENSANDO AD UN CYBER-ORGANO,QUANDO CIOE' L'UOMO DIVENTA UNA SOLA COSA CON L'ELABORATORE ELETTRONICO.
    avatar
    Martina Verde

    Messaggi : 27
    Data d'iscrizione : 03.03.11
    Età : 29
    Località : Napoli

    Re: 15bis. Teoria: tecnologie invasive, iniziamo a conoscerle a rifletterci

    Messaggio  Martina Verde il Mar Mag 03, 2011 6:29 pm

    Ieri a lezione abbiamo introdotto il tema delle tecnologie invasive,abbiamo già parlato in precedenza di quelle estensive come ad esempio citavamo l’automobile o il telefono cellulare.Le tecnologie estensive entrano a far parte della nostra vita,ma sono al di fuori di noi,ci conviviamo ma non fanno parte del nostro corpo a differenza di quelle integrative e quelle invasive che non solo entrano a far parte della nostra vita,ma anche del nostro corpo,diventano parte di noi,spesso senza le quali non possiamo vivere perché vanno a sostituire anche organi di vitale importanza o contribuiscono al loro regolare funzionamento.Le tecnologie invasive,sono impianti nel corpo.Abbiamo fatto l’esempio di X-MAN in aula,diciamo che c’è una contaminazione tra umano/naturale e tecnologico.Questa unione tra naturale e tecnologico da vita ad una nuova categoria di esseri viventi,i CYBORG,non so se è inerente al tema,ma mi viene in mente un uomo che ha trasformato il proprio aspetto per poter somigliare ad una tigre,è conosciuto come “l’Uomo Gatto”,è anche apparso in molte trasmissioni televisive.Quest’uomo si è sottoposto a numerosi interventi chirurgici per cambiare il suo corpo,inutile dire che questi interventi hanno avuto un costo anche molto consistente.Le mutazioni più evidenti riguardano il volto,i denti e le orecchie….Denti affilati ed orecchie a punta,si è fatto applicare dei baffi sintetici,ha in oltre tutto il viso tatuato,indossa lenti a contatto colorate per simulare il colore degli occhi di una tigre,per ottenere lo “sguardo da felino”ha fatto degli impianti agli zigomi e una blefaroplastica. Il suo caso è riconosciuto e studiato a livello psichiatrico come disordine dismorfico del corpo,che altera la percezione dell’apparenza.Ma oltre all’ “Uomo Gatto” abbiamo anche l’ “Uomo Lucertola”che ha modificato la sua lingua rendendola biforcuta,come l’uomo gatto ha modificato i denti per renderli aguzzi come quelli di un serpente,ha tatuato delle finte squame verdi sul suo corpo ed ha impiantato dei bernoccoli finti al posto delle sopracciglia.Questi sono solo due dei casi più eclatanti…potrei parlare di mani o bracci bionici,però secondo me anche qui ci troviamo di fronte a tecnologie invasive,perché comunque il nostro corpo viene trasformato da “oggetti” esterni.Joel De Rosnay ci parla di “cybionte”,cioè una creazione di un organismo ibrido,un corpo che ha subito delle modificazioni,si può parlare di un ibrido tecnologico quando come nelle tecnologie invasive si contaminano naturale ed artificiale.Anche se comunque non spesso va tutto a buon fine perché non sempre il corpo accetta questi corpi esterni,deve comunque imparare a convivere con essi.Anche per la società non è semplice accettare questi “Cyborg”,sfido chiunque a trovarsi di fronte l’uomo gatto o l’uomo lucertola e non notarli perché “Diversi dalla folla”,molti si fanno impiantare delle corna metalliche sotto la pelle.Si parla di “tecno body”,arte del corpo,oltre il corpo stesso,come cita la professoressa F.Briganti in uno dei suoi libri,ci parla anche del caso Orlan che “(…)si è fatta impiantare artificialmente due bernoccoli sulla fronte come segno di lotta con gli attuali canoni estetici affinchè si parli di un nuovo corpo,del corpo mutante”.C’è anche la chirurgia estetica che impianta delle protesi nel nostro corpo,come quelle per il seno,anche qui ci troviamo di fronte ad un corpo cyborg secondo me.Diciamo che personalmente non sono favorevole all’impianto di protesi estranee al mio corpo solo per destare curiosità o per simboleggiare una rivolta,non capisco il senso estetico o anche psicologico di impiantarsi due bernoccoli sulla fronte,le mie vedute,i miei orizzonti saranno limitate,ma proprio non condivido.Sono d’accordo ad impianti esterni quando hanno un senso,uno scopo,quando servono a “completare” il corpo,ad integrarlo,se si possono considerare invasive anche le protesi dentarie sono d’accordo ad esse,ma non sono d’accordo al cambiamento,alla modifica del corpo quando non necessario.Riguardo la chirurgia plastica ci stà nel giusto,noi la colleghiamo quasi sempre all’aumento del seno o alla modifica del naso,ma dimentichiamo che gli scopi della chirurgia sono altri,puramente medici.Io ho un po’ paura del futuro sinceramente,oggi in tv si vedono solo programmi che mostrano come effettuare interventi di bellezza,come non invecchiare,liposuzioni,ecc…Si vedono persone di plastica,a volte mi chiedo quanto di umano resta in loro….Molte donne dello spettacolo addirittura si somigliano tra loro,sono dei “Botox” viventi,vogliono somigliare sempre più alle Barbie,raggiungere la “perfezione”sono delle vere e proprio cyber girl ….Ci sta la tecnologia,ma voglio vivere in un mondo umano,fatto di carne e non di plastica….Sì alle tecnologie di qualsiasi tipo,quando sono utili,ma dico no quando sono solo per divertimento o per restare eterni “finti giovani”!!!!Sarò impopolare...ma continuo a dire RESTIAMO UMANI!!!!

    Martina è molto originale questa tua interpretazione! la docente
    avatar
    Martina Verde

    Messaggi : 27
    Data d'iscrizione : 03.03.11
    Età : 29
    Località : Napoli

    Re: 15bis. Teoria: tecnologie invasive, iniziamo a conoscerle a rifletterci

    Messaggio  Martina Verde il Mar Mag 03, 2011 6:39 pm

    Vorrei proporre qualche immagine dell'"Uomo Gatto" e dell'"Uomo Lucertola".

    avatar
    ANNA SEQUINO

    Messaggi : 28
    Data d'iscrizione : 03.03.11

    TECNOLOGIE INVASIVE PRIMA PARTE

    Messaggio  ANNA SEQUINO il Mar Mag 03, 2011 7:27 pm

    Si definisce invasiva quella tecnologia che invade il corpo umano non più inteso come modello da riprodurre artificialmente ma come soggetto invaso,protagonista del nuovo modo di essere e di comunicare.
    Questo nuovo individuo non è digitale ma è CYBORG costituito da parti biologiche oltre che artificiali e per questo è diverso dai robot,androidi ed umanoidi.
    Del corpo invaso ne parlano molti autori tra cui Caronica che ne discute nella sua analisi dei tre processi del corpo:corpo replicato,corpo invaso e corpo disseminato.
    Quando parliamo di tecnologia invasiva quindi dobbiamo ricordare che non si tratta più solo di usare gli artefatti tecnologici ma di accoglierli nel nostro corpo biologico.
    In particolare Granelli affermava che l’uomo in quanto essere manchevole necessità di crearsi una seconda natura per stare al mondo.
    Tale natura è artificiale e deve essere compartibile con la sua natura organica.
    Non va dimenticato un altro importante intervento di Cappucci che nel suo testo “corpo tecnologico” definisce appunto il corpo come totalità psicologica,biologica e fisica che si lascia positivamente e piacevolmente invadere dalle tecnologie contemporanee diventando un habitat di esse.
    La sua riflessione è rivolta allo sviluppo tecnologico recepito come acceleratore evolutivo che comporta una ridefinizione del rapporto tra uomo e mondo.
    A questo punto il corpo diventa obsoleto ovvero incapace di soddisfare le nostre aspettative e per questo le nuove tecnologie risultano essere supporti fondamentali per ovviare a queste insoddisfazioni .
    Queste riflessioni sono di grande portata in quanto ci portano comunque ad evidenziare che l’uomo tende sempre di più a servirsi di queste tecnologie che comportano di conseguenza una atrofizzazione dei sensi del corpo umano.
    avatar
    teresaferraro

    Messaggi : 23
    Data d'iscrizione : 05.03.11

    Re: 15bis. Teoria: tecnologie invasive, iniziamo a conoscerle a rifletterci

    Messaggio  teresaferraro il Mar Mag 03, 2011 8:26 pm

    Ieri in aula abbiamo iniziato ad affrontare il vasto tema delle tecnologie invasive.Possiamo parlare di tecnologie invasive quando vi è una vera e propria invasione del corpo come nel caso del famoso protagonista del film Xmen,questo infatti non ha delle protesi come quelle di Pistorius che possono essere tolte, ma le sue protesi sono incarnate quindi corpo e tecnologia sono uniti.La tecnologia sta man mano modificando il corpo umano e sta trasformando molte delle azioni che si eseguono quotidianamente talvolta migliorando anche la qualità di vita come ad esempio il pacemaker ormai necessario per alcuni.Questo è uno dei motivi per cui credo che la tecnologia abbia molti aspetti positivi e comporti molti miglioramenti .Corpo e tecnologie si modificano reciprocamente addirittura si uniscono diventando un tutt uno. Non si tratta più soltanto di usare gli artefatti tecnologici, ma di accoglierli all’interno del corpo biologico .Arnold Gehlen sostiene che le ineguatezze biologice vengono compensate mediante la tecnologia,l’uomo è organicamente un essere MANCHEVOLE egli sarebbe INADATTO ALLA VITA in ogni ambiente naturale e cosi deve crearsi una seconda natura,un rimpiazzo artificiale che possa cooperare col suo DEFICENTE EQUIPAGGIAMENTO organico.L’uomo è addirittura un essere manchevole con un equipaggiamento deficiente che necessita dell aiuto della tecnologia per “aggiustarlo “ ! il corpo quindi,per dirla con le parole di Capucci, si lascia invadere piacevolmente e positivamente dalle nuove proposte tecnologiche contemporanee, divenendo un habitat di esse.
    avatar
    rosariaverde

    Messaggi : 23
    Data d'iscrizione : 05.03.11
    Età : 28

    Re: 15bis. Teoria: tecnologie invasive, iniziamo a conoscerle a rifletterci

    Messaggio  rosariaverde il Mar Mag 03, 2011 8:43 pm

    La tecnologia è invasiva quando è intesa come una invasione del corpo umano .Un esempio di uomo invaso dalle tecnologie invasive è il protagonista del film xmen.Il protagonista di questo film non diventa un uomo digitale ma è un cyborg cioè costituito da parti biologiche e artificiali e proprio per questo è diverso dai robot.La tecnologia non sta solo influenzando il nostro corpo ma sta diventando parte di esso.Corpo e tecnologia si uniscono e si influenzano.L’uomo non può fare più a meno di queste tecnologie infatti come ci dice Arnold Gehlen le inadeguatezze dell’uomo vengono compensate mediante la tecnologia in quanto l’uomo è organicamente un essere manchevole.Gehlen lo definisce addirittura inadatto alla vita e con un equipaggio deficiente!!! Oggi, rispetto alle tecnologie del passato, è presente una caratteristica nuova: i due elementi, naturale cioè il corpo e artificiale l’oggetto tecnologico, stanno contaminandosi a vicenda. Il corpo in futuro dovrà presumibilmente imparare a convivere con organi artificiali e protesi meccaniche, con macchine in grado di ascoltarlo, toccarlo, osservarlo, esplorarlo in profondità e capaci di restituirne una visione sempre più perfetta.Insomma la tecnologia influisce ed influirà sempre di più la vita dell’uomo e proprio grazie ad essa può anche migliorarla come è accaduto ad Oscar Pistorius ,il famoso atleta tanto nominato in aula,che grazie alle sue protesi non solo può camminare ma addirittura gareggiare!
    avatar
    Caterina Panico

    Messaggi : 25
    Data d'iscrizione : 03.03.11
    Età : 28

    Re: 15bis. Teoria: tecnologie invasive, iniziamo a conoscerle a rifletterci

    Messaggio  Caterina Panico il Mar Mag 03, 2011 8:45 pm

    Oggi abbiamo fatto qualche accenno alle tecnologie invasive... La teconolgia è invasiva quando è intesa come una invasione del corpo umano.
    Il termine invasione può avere molti significati ed è il soggetto "invaso" ad essere protagonista di questo nuovo mondo. Questo nuovo soggetto è detto Cyborg definito non solo da parti biologiche ma anche da quelle artificiali.
    Di grande rilievo è la concezione di Caronia di Cyborg nel suo testo "Il Cyborg. Saggio sull'uomo artificiale" in cui parla dell'uomo che diventa una cosa sola con il computer...
    Ganelli fu uno dei primi a parlare di tecnologie invasive affermando che "l'uomo è un essere manchevole e si completa con la tecnolgia".
    Tutto ciò porta ad una nuova visione delle cose, in quanto grazie alle teconologie possiamo andare avanti e fare tante di quelle scoperte che saranno, almeno mi auguro, di notevole importanza per la vita dell'uomo.
    avatar
    VivianaNobili

    Messaggi : 27
    Data d'iscrizione : 03.03.11
    Età : 30
    Località : Giugliano

    Re: 15bis. Teoria: tecnologie invasive, iniziamo a conoscerle a rifletterci

    Messaggio  VivianaNobili il Mar Mag 03, 2011 9:00 pm

    Per "tecnologia invasiva" si intende un qualcosa che va ad invadere il corpo dell'essere umano e il soggetto in questione diviene un cyborg, ossia un qualcosa formato da parti biologiche e parti artificiali.
    Inevitabile è il connubio che si viene a creare tra CORPO e TECNOLOGIA, che diviene sempre più forte.
    L'uomo ricorre sempre più all'uso di tecnologie, sembrando talvolta non riuscire a cogliere quali siano i rischi ai quali si può andare incontro con esse.
    Non si tratta più di usare gli artefatti tecnologici, ma di accoglierli nel nostro corpo biologico.
    Va sottolienato che tali tecnologie, tra i vari rischi che posso presentare, vanno ad atrofizzare quelli che sono i sensi dell'essere umano.
    Granelli affermava che l’uomo, in quanto essere manchevole, necessità di crearsi una seconda natura per stare al mondo. Tale natura è artificiale e deve essere compartibile con la sua natura organica.

    Contenuto sponsorizzato

    Re: 15bis. Teoria: tecnologie invasive, iniziamo a conoscerle a rifletterci

    Messaggio  Contenuto sponsorizzato


      La data/ora di oggi è Sab Lug 21, 2018 3:44 am