Pedagogia della disabilità 2010-11

Stanza di collaborazione della classe del corso di Pedagogia della disabilità (tit. O. De Sanctis) a cura di Floriana Briganti a.a. 2010-11 periodo marzo-maggio 2011


    18. ultima lezione DOMOTICA ( si chiuderà il 15/05)

    Condividi
    avatar
    Maria Francesca Avolio

    Messaggi : 24
    Data d'iscrizione : 03.03.11

    Re: 18. ultima lezione DOMOTICA ( si chiuderà il 15/05)

    Messaggio  Maria Francesca Avolio il Gio Mag 12, 2011 7:13 pm

    Oggi in aula abbiamo focalizzato l' attenzione sull' argomento della DOMOTICA la scienza che si occupa dello studio delle tecnologie atte a migliorare la qualità della vita nella casa.
    In quanto in termine domotica deriva dal latino domus che significa "casa".
    La domotica ha lo scopo di migliorare anche la sicurezza, infatti oggi in aula abbiamo visto un video con il titolo "DOMOTICA PER I DISABILI" che attraverso un impianto elettrico intelligente offre al disabile sostegno e sicurezza nel focolare domestico, rassicurando anche i genitori.
    Dopo abbiamo chiuso il discorso con il tema delle resilienza vedendo il video di PAPA WOJTYLA di come il Papa nonostante la malattia è riuscito ad affrontare tutte le avversità e le difficoltà ,non rinunciando mai a diffondere il suo messaggio di pace!!!!
    Ringrazio la docente Bringanti e Nunzia per il bellissimo corso e di quante emozioni ha suscitato in me!!!!
    GRAZIE DI TUTTO!!!!! Very Happy
    avatar
    ANNA SEQUINO

    Messaggi : 28
    Data d'iscrizione : 03.03.11

    LA DOMOTICA

    Messaggio  ANNA SEQUINO il Gio Mag 12, 2011 7:20 pm

    La domotica è definita come la scienza interdisciplinare che si occupa di studiare l tecnologie utili per migliorare la propria vita nella casa. Non a caso il termine domus in latino significa casa! (wikipedia)
    Oggi è stata l’ultima lezione del corso e non poteva esserci modo migliore per concludere un percorso così emozionante e istruttivo ovvero osservando ancora una volta come lo sviluppo della tecnologia può aiutare a migliorare le condizioni di vita delle persone con disabilità che riescono così a diventare padroni della propria vita!
    Nei video si parlava di casa intelligente e condivido a pieno questa definizione perché penso che realmente questa nuova tecnologia sia stata creata con intelligenza perché è stata pensata proprio per essere sfruttata a favore delle persone e non è una tecnologia distruttiva come quella che invece abbiamo potuto riscontrare nel passato come nel caso delle bombe atomiche usate in guerra.
    A mio parere la domotica è di fondamentale importanza per le persone con disabilità perché riescono attraverso l’uso di questa tecnologia a muoversi senza dover sempre essere accompagnati,riescono a svolgere quelle piccole attività quotidiane senza dover rivolgersi a qualcun altro ma contando sulle proprie forze e sulle proprie capacità.
    Tra tutti i video mi ha colpito soprattutto quello di Andrea e in particolare le parole dei suoi genitori che dicevano di vederlo finalmente contento perché libero dal peso della sua disabilità e perché libero di muoversi nella sua casa.
    Loro erano felici per lui anche perché quella casa era più sicura di qualsiasi altro luogo abitato infatti una delle caratteristiche della domotica è proprio la sicurezza che garantisce per i suoi impianti.
    Fino ad oggi non sapevo cosa fosse la domotica e ancora una volta ringrazio tutti quello che hanno permesso la realizzazione di questo laboratorio perché veramente mi ha arricchita tanto e da molti punti di vista.
    Spero che anche nel prossimo anno universitario ci sia la possibilità di svolgere un’attività del genere.
    avatar
    Rosaria Polverino

    Messaggi : 27
    Data d'iscrizione : 03.03.11
    Età : 28
    Località : Napoli

    La Domotica

    Messaggio  Rosaria Polverino il Gio Mag 12, 2011 7:36 pm

    La Domotica,neologismo derivato dal francese “Domotique”,che significa l’informatica applicata alla casa,è la tecnica che studia l’automazione degli edifici.
    Attraverso questa disciplina si può ottenere l’integrazione tra diversi impianti installati nelle abitazioni, consentono di migliorare il confort,il risparmio energetico e più in generale la qualità dell’abitare.
    In particolare per le persone con problemi di mobilità, l’automazione di determinate apparecchiature può risultare estremamente utile per la propria INDIPENDENZA.
    Molte sono le applicazioni proposte dalla domotica:
    -il videocitofono;
    -il telesoccorso;
    -il montascale elettronico;
    -il sollevatore per la vasca da bagno;
    e tanti altri..
    L’obiettivo principale della domotica è appunto quello di migliorare la qualità della vita all’interno di un’abitazione!!
    Ma la cosa più interessante è che per usare queste tecnologie non bisogna essere geni dell’informatica! Nella maggior parte dei casi basta un semplice “tocco”, e infatti questo può essere un vantaggio fondamentale per semplificare la vita delle persone diversamente abili, che purtroppo si trovano a dover svolgere azioni “impossibili” a differenza di noi che le svolgiamo con una certa semplicità.
    Grazie alla domotica le persone disabili possono poter rendere la loro vita indipendente,senza aver continuamente bisogno di qualcuno.
    Spero che questa tecnologia definita da molti ad “alto budget”, possa diventare un giorno accessibile a tutte le persone, ma in particolare modo alle persone diversamente abili, in modo da potergli far godere anche a loro la propria quotidianità ma sopratutta la propria vita in maniera del tutto autonoma!!
    Ringrazio la Professoressa Briganti per tutte le emozioni che provato nel seguire questo corso corso!!
    Grazie Smile


    Ultima modifica di Rosaria Polverino il Gio Mag 12, 2011 8:06 pm, modificato 1 volta

    turco valentina

    Messaggi : 29
    Data d'iscrizione : 07.03.11

    Re: 18. ultima lezione DOMOTICA ( si chiuderà il 15/05)

    Messaggio  turco valentina il Gio Mag 12, 2011 7:49 pm

    la domotica (da wikipedia) è la scienza interdisciplinare che si occupa dello studio delle tecnologie atte a migliorare la qualità delle vite nelle case e più in genere negli ambienti antropizzati. il termine domotica deriva dal latino domus che significa "casa".
    la domotica è nata nel corso della terza rivoluzione industriale allo scopo di studiare, trovare strumenti e strategie per:
    -migliorare la qualità di vita
    -migliorare la sicurezza
    -risparmiare energia
    -semplificare la progettazione
    -convertire i vecchi ambienti in nuovi impianti.
    l'edificio intelligente, con il supporto delle nuove tecnologie, permette la gestione coordinata e computerizzata degli impianti tecnologici, allo scopo di migliorare la flessibilità di gestione.
    collegare la domotica alla disabilità, significa migliorare sicuramente la vita di una persona con un deficit motorio o altre disabilità, perchè la sua vita diventerebbe sicuramente più flessibile ed eccessibile; purtroppo queste tecnologie nuovissime hanno un costo elevatissimo, e non tutti possono permettersi questi lussi.
    penso che tutti sognano una casa del genere, all'ultima moda e super tecnologica.
    sinceramente a volte mi fa un pò paura tutta questa tecnologia, penso che si stiano perdendo tutte quelle cose semplici della vita, ormai si chiacchiera solo su facebook, si leggono libri on line, non si scrivono più lettere ma solo email, stiamo diventando piano piano vere e proprie macchine tecnologiche.
    spero solo che non si perdino emozioni, sensibilità e amore..
    avatar
    Paola Pignatelli

    Messaggi : 27
    Data d'iscrizione : 08.03.11
    Età : 29
    Località : Napoli

    Re: 18. ultima lezione DOMOTICA ( si chiuderà il 15/05)

    Messaggio  Paola Pignatelli il Gio Mag 12, 2011 7:51 pm

    e]i]Oggi ultima lezione abbiamo trattato "LA DOMOTICA ";
    La domotica è la scienza ch[/i]e si occupa dello studio delle teconologie per migliorare la qualità della vita nelle case !!!

    Infatti il termine domotica deriva dal latino "domus" che significa CASA ;
    Lo scopo della domotica è:
    migliorare la qualità della vita ;
    migliorare la sicurezza ;
    risparmiare energia ;
    ridurre i costi di gestione;
    I diversamente abili che per strada incontrano le barriere architettoniche che vietano loro di effettuare anche le semplici cose in casa grazie alla domotica possono avere un ambiente a loro misura accogliente che offre loro opportunitàdi svolgere qualsiasi azione e di sentirsi a loro agio ed indipendenti!!!!!!


    Diletta M.R Clemente

    Messaggi : 27
    Data d'iscrizione : 04.03.11

    Re: 18. ultima lezione DOMOTICA ( si chiuderà il 15/05)

    Messaggio  Diletta M.R Clemente il Gio Mag 12, 2011 7:51 pm

    ...ebbene si oggi si è svolta l'ultima lezione del corso. Un percorso ricco di tante emozioni che di sicuro lascerà un ricordo bellissimo e la conoscenza di tante cose che grazie alla passione della prof. Briganti di sicuro non si cancelleranno!. L' ultimo argomento è stata "la domotica" ovvero una la scienza interdisciplinare che si occupa dello studio delle tecnologie atte a migliorare la qualità della vita nella casa. La domotica è nata nel corso della terza rivoluzione industriale allo scopo di studiare, trovare strumenti e strategie per migliorare la qualità della vita,migliorare la sicurezza,risparmiare energia,semplificare la progettazione, l'installazione, la manutenzione e l'utilizzo della tecnologia,ridurre i costi di gestione, convertire i vecchi ambienti e i vecchi impianti.
    La domotica svolge un ruolo importante nel rendere intelligenti apparecchiature, impianti e sistemi. Ad esempio un impianto elettrico intelligente può autoregolare l'accensione degli elettrodomestici per non superare la soglia che farebbe scattare il contatore... proprio come nel video in cui Andrea grazie all' utilizzo di queste tecnologie riesce ad orientarsi liberamente nella sua casa. La tecnologia dunque, non è sempre negativa perchè grazie all'utilizzo intelligente di quest'ultima, la vita può essere (soprattutto per i più bisognosi)più semplice per tutti. Grazie alla prof. per ciò che ci ha insegnato... spero di ricambiare con la mia esposizione orale.
    avatar
    sofia fontana

    Messaggi : 22
    Data d'iscrizione : 07.03.11
    Età : 28
    Località : Casapesenna(ce)

    Re: 18. ultima lezione DOMOTICA ( si chiuderà il 15/05)

    Messaggio  sofia fontana il Gio Mag 12, 2011 8:01 pm



    Una crescita annua del 35% in piena crisi economica: è il “miracolo” della domotica, che già oggi è una realtà di assoluto rilievo per fatturato e tecnologie impiegate.
    Nelle nostre case viviamo già oggi circondati dall’elettronica, ma i diversi sistemi non dialogano tra loro e ciascuno si limita a svolgere poche funzioni di base. Eppure tutti “parlano” il linguaggio universale del bit, che guarda caso è lo stesso di strumenti che ormai sono sempre nelle nostre mani come il cellulare, Internet o l’I-pad.
    Da qui la richiesta e l’esigenza di sistemi integrati, soprattutto nell’ambito del comfort ambientale (dunque per la climatizzazione e il riscaldamento), il controllo delle luci e il risparmio energetico, ma anche per le tapparelle automatiche e la sicurezza, magari con sistemi di telesorveglianza collegati al proprio smartphone.
    Oggi in aula abbiamo avuto una testimonianza di domotica grazie al video che ci è stato mostrato...il video mostrava la vita di di Andrea Ferrari ragazzo disabile che è riuscito ad assere grazie alla domotica molto più autonomo. quando ho visto il video mostrato oggi in aula sul mio viso è comparso un sorriso contenta per andrea ma nello stesso momento mi sono emozionata..... emozionata nel vedere come la vita sia difficile e come può essere migliore per queste persone con un abbraccio come si è visto nel video...che bello vederlo I love you concludo dicendo bello bello bello questo corso!!!!!!!
    avatar
    enza bernardo

    Messaggi : 25
    Data d'iscrizione : 12.03.11

    Re: 18. ultima lezione DOMOTICA ( si chiuderà il 15/05)

    Messaggio  enza bernardo il Gio Mag 12, 2011 8:03 pm

    Oggi è stata l'ultima lezione è devo dire che mi dispiace davvero tanto perchè,questo corso è stato eccezionale,unico,e inimitabile,mi ha dato davvero tanto,mi ha donato mille emozioni e mi ha formata molto.
    Oggi abbiamo riposto l' attenzione sulla DOMOTICA,che è la scienza interdisciplinare che si occupa dello studio della tecnologia, adibita a migliorare la vita nella casa,infatti è una tecnologia per arredamenti,è diviene di fondamentale importanza quando viene utilizzata da un disabile.
    La domotica rende intelligenti le apparecchiature,impianti e sistemi.
    Questi sistemi sono in grado di donare confort e sicurezza ad un disabile,rendendolo sempre di più autonomo e capace di stare da solo.Il video che abbiamo assistito oggi ,ci mostra proprio come la domotica rende autonomi ,sereni e sicuri sia un disabile che i loro cari.Credo che la domotica sia davvero un'ottima ed utile soluzione per una casa ,ma i particolare per una casa di un disabile,perchè ha diritto ad una vita serena ed autonoma.

    Molto interessante è stato il "progetto amico" che ha come scopo quello di migliorare la vita dei disabili.questo progetto è stato fondamentale per Manuela ,una ragazza con la sindrome di down ,che grazie ad un ottimo lavoro che si è basato sull' osservazione ,l'ha resa autonoma.Mi ha colpita molto il fatto che Manuela riuscisse a prendere da sola i mezzi pubblici grazie ad una foto-mappa ,ma con il passare del tempo è in grado di farlo anche senza.

    alla base di tutto ciò sento di vero cuore di ringraziare la professoressa,perchè fino alla fine ci ha regalato ulteriori emozioni,vedere le immagini del nostro caro ,unico e amato papa è sempre una gioia immensa.
    Una parola riconducibile a questo corso è EMOZIONI,VERE EMOZIONI
    avatar
    Roberta Sorrentini

    Messaggi : 21
    Data d'iscrizione : 04.03.11

    Re: 18. ultima lezione DOMOTICA ( si chiuderà il 15/05)

    Messaggio  Roberta Sorrentini il Gio Mag 12, 2011 8:10 pm

    Nell'ultima lezione abbiamo parlato del concetto di DOMOTICA: La domotica è la scienza interdisciplinare che si occupa dello studio delle tecnologie atte a migliorare la qualità della vita nella casa e più in generale negli ambienti antropizzati. Il termine domotica deriva dal latino domus che significa "casa", come ci spiega Wikipedia.
    è proprio grazie a queste invenzioni che la vita di un disabile o un portatore di handicap può superare alcuni ostacoli partendo proprio dalla sua vita in casa. L'ostacolo di non riuscire ad accendere la luce può cambiare con un dispositivo attivato proprio per questo disagio. Facilita la quotidianità,migliora la qualità della vita,migliora la sicurezza.
    Si può parlare appunto di casa "intelligente" o di casa "fatta su misura". In questo caso fatta "su misura" del disabile. è stato come sempre un argomento molto interessante.

    silvia

    Messaggi : 56
    Data d'iscrizione : 04.03.11

    Re: 18. ultima lezione DOMOTICA ( si chiuderà il 15/05)

    Messaggio  silvia il Gio Mag 12, 2011 8:16 pm

    La Domotica: Domus + Informatica, è una scienza relativamente giovane tesa ad automatizzare e integrare varie funzioni domestiche.
    Più specificatamente wikipedia ci dice che essa "è la scienza interdisciplinare che si occupa dello studio delle tecnologie atte a migliorare la qualità della vita nella casa e più in generale negli ambienti antropizzati. Il termine domotica deriva dal latino domus che significa "casa". Come si potrà facilmente evincere dal contenuto della voce, questa area fortemente interdisciplinare richiede l'apporto di molte tecnologie e professionalità, tra le quali ingegneria edile, elettrotecnica, elettronica, telecomunicazioni ed informatica. Nata nel corso della terza rivoluzione industriale allo scopo di studiare, trovare strumenti e strategie per: migliorare la qualità della vita; migliorare la sicurezza; risparmiare energia; semplificare la progettazione, l'installazione, la manutenzione e l'utilizzo della tecnologia; ridurre i costi di gestione; convertire i vecchi ambienti e i vecchi impianti."

    La tecnologia permette quindi di rendere la casa "intelligente" ossia opportunamente progettata e tecnologicamente attrezzata con impianti che vanno oltre il "tradizionale", dove apparecchiature e sistemi sono in grado di svolgere funzioni parzialmente o completamente autonome. Ciò che è importante sottolineare in relazione ai fini delle tematiche studiate è che la creazione di un sistema integrato può semplificare la vita all'interno dell'abitazione, in quanto il sistema intelligente di cui è dotata è capace di controllare e gestire in modo facile il funzionamento degli impianti presenti. Attualmente le apparecchiature tecnologiche sono poco integrate tra loro e il controllo è ancora ampiamente manuale, nella casa domotica gli apparati sono comandati da un unico sistema automatizzato che ne realizza un controllo intelligente.

    Di seguito uno degli articoli che ho trovato maggiormente interessante sull'argomento, proprio perchè direttamente collegato alla disabilità:
    LA DOMOTICA PER IL RECUPERO DELL'AUTONOMIA
    Dott.ssa Alessandra Eselli


    <<“Domotica”, “casa intelligente”, “automazione ambiente”; tutti sinonimi di una stessa scienza che studia particolari sistemi per automatizzare l’abitazione e facilitare di conseguenza l’adempimento di molte azioni che solitamente si svolgono in casa.
    Nata per lo sfizio di qualche facoltoso, oggi la domotica è diventata un’arma indispensabile per quei disabili motori molto gravi che vogliono riappropriarsi della loro autonomia.
    Troppo spesso, a seguito di traumi fortemente invalidanti, molte persone si trovano nella condizione di dover dipendere interamente dai familiari o, nei casi meno fortunati, da sconosciuti: dall’impossibilità di svolgere quelle attività che da sempre hanno costituito la quotidianità di un individuo, deriva quasi sempre una perdita profonda di autostima che rende sempre più lungo e complesso il processo riabilitativo.
    Proviamo per un istante a pensare a quante azioni, nell’arco della giornata, siamo talmente abituati a svolgere da non farci nemmeno più caso: apriamo la porta di casa per uscire e suoniamo il campanello per rientrare; accendiamo la luce quando fa buio e la spegniamo se vogliamo dormire; apriamo la finestra se sentiamo caldo e chiudiamo le tapparelle se scoppia un temporale; rispondiamo al telefono quando squilla o facciamo “zapping” con il telecomando della televisione quando siamo stufi dei soliti programmi trasmessi. Potremmo andare avanti per ore a citare innumerevoli cose: ma se un giorno non fossimo più in grado di svolgere da soli nemmeno la più semplice di esse? Quanto ci sentiremmo inutili e frustrati nel dover chiedere in continuazione: “Mi cambi canale per favore? Puoi abbassare il volume? Mi apri la porta del bagno?”, o se dovessimo telefonare ad un amico con qualcuno a fianco che ci tiene la cornetta e che, inevitabilmente, partecipa alla nostra telefonata.
    Fortunatamente la tecnologia mette oggi a disposizione innumerevoli sistemi per controllare l’ambiente domestico, alcuni di essi studiati appositamente per disabili, altri facilmente reperibili sul mercato e ideati per automazioni di processi industriali o per necessità di estetica e design.
    Molte case produttrici hanno iniziato ormai da qualche anno a produrre elettrodomestici, luci per interni e motori per serrande, controllabili attraverso un piccolo telecomando o programmabili attraverso piccoli cervelli elettronici (quasi dei mini computer) che rendono più facile l’adempimento di molte attività.
    Ma proviamo allora a pensare cosa potrebbe significare consentire ad un disabile motorio di controllare interamente quel telecomando: la tapparella si alzerebbe e si abbasserebbe con un semplice comando a distanza; la luce si accenderebbe a richiesta; la lavatrice, caricata e pronta per partire, si avvierebbe con un semplice “clic”.
    Se poi riuscissimo a convogliare tutti i telecomandi in un unico sistema, magari tanto intelligente da essere in grado di riprodurre anche il funzionamento dei trasmettitori che solitamente si usano per comandare a distanza lo stereo, la televisione, il videoregistratore, ecc…, avremmo tra le mani un piccolo dispositivo in grado di ridare autonomia anche alla persona la cui mobilità è completamente compromessa.
    In questa direzione si sono mosse, da una decina d’anni a questa parte, alcune delle aziende nord-europee che da sempre hanno cercato di ideare dispositivi per l’autonomia dei disabili gravi. Esistono telecomandi programmabili in grado di controllare tutto ciò che è alimentato da corrente e che può essere adattato per ricevere un segnale infrarosso proveniente dal telecomando stesso; alcuni di essi hanno l’aspetto di un trasmettitore tradizionale, altri sono dotati di un display sul quale compaiono i comandi da impartire alle utenze elettriche, alcuni si possono controllare attraverso un computer, altri attraverso lo stesso sistema che ci consente di guidare la carrozzina elettrica; alcuni richiedono interventi particolari sulle utenze elettriche, altri si interfacciano semplicemente con il loro sistema di comunicazione; una cosa accomuna tutti questi dispositivi: tutti consentono la massima accessibilità e possono essere controllati direttamente anche da quelle persone che, apparentemente, non presentano alcuna capacità motoria funzionale residua.
    In questa prima parte del nostro viaggio attraverso la Domotica, proviamo a capire meglio da cosa è composto un sistema di automazione ambiente:
    Sistema di Automazione Ambiente
    Il capostipite del sistema deve necessariamente essere l’UTENTE. Scopo di un sistema di automazione ambiente è infatti quello di adattare l’ambiente domestico alle speciali esigenze di chi lo deve vivere senza stravolgere le modalità standard di gestione delle utenze che normalmente si hanno (vedremo in un secondo momento come le centraline si installino in parallelo ai sistemi esistenti).
    Ogni utente, sebbene affetto dalla stessa patologia o dalla stessa disabilità di altri, sviluppa delle abilità residue differenti e pertanto l’INTERFACCIA che le sfrutta deve essere studiata e scelta secondo valutazioni individuali.
    Tutti i sistemi di controllo (nel diagramma indicati come UNITA’ CENTRALE) sono stati ideati in modo da accettare comandi da fonti differenti: dalla semplice pressione dei tasti sulla schermata di un telecomando, la cui sensibilità è stata opportunamente aumentata, all’accesso indiretto attraverso il sistema a scansione con sensori esterni, al controllo proporzionale grazie all’utilizzo di un joystick, fino al controllo vocale indipendente o via personal computer.
    La prima valutazione da effettuare è quindi quella sulle potenzialità residue dell’utente. E’ fondamentale osservarlo durante le attività quotidiane e conoscere le sue reazioni se posto di fronte a determinati stimoli, al fine di individuare con assoluta precisione un movimento, anche minimo, ma sempre volontariamente ripetibile, da utilizzare per azionare il comando. Vedremo in seguito e nel dettaglio i tipi di comandi disponibili sul mercato.
    La seconda valutazione da fare è di tipo meno funzionale ma più pratica: si tratta dell’analisi dei bisogni.
    Molto spesso, chi decide di avvalersi di un sistema di automazione ambiente, ha già sviluppato tutta una serie di meccanismi di compensazione, che a volte sono difficili da eliminare. Ancora una volta il nostro compito è quello di osservarli, comprenderli e cercare, ove possibile, di adattare il sistema tecnologico alle abitudini quotidiane.
    Ci sorprenderà scoprire come molte funzioni che prima di questa analisi venivano interpretate come indispensabili, risultino essere superflue e ridondanti. Allo stesso modo emergeranno tanti altri piccoli aspetti che in prima analisi sono stati dimenticati. E’ facile ad esempio non considerare più così importante il controllo di elettrodomestici quali forno, cucina in vetroceramica o lavatrice, e rivalutare ad esempio l’utilizzo del telefono in assoluta privacy e autonomia.
    Non sottovalutate mai l’importanza di guidare l’utente nell’identificazione dei bisogni e nella scelta dei dispositivi da automatizzare: la vera qualità di un sistema di automazione ambiente si vede anche nella capacità di essere snello, non invasivo sull’ambiente nel quale viene introdotto, gradevole esteticamente e facile da utilizzare. Appesantire troppo un’automazione equivale a contravvenire a tutte queste qualità che fanno della domotica una risorsa.
    Sperando di aver stimolato un po’ la curiosità di molti, vi rimando al prossimo incontro per approfondire meglio il cuore del sistema, ovvero quelle che abbiamo definito UNITA’ CENTRALI e che avranno il compito di comunicare con l’utente e con tutte le apparecchiature che si desidera controllare.>>

    http://www.leonardoausili.com/approfondimenti/la-domotica-il-recupero-dellautonomia-capitolo-1

    Quanto detto dalla docente oggi durante la lezione, i video propostici, la definizione offerta da wikipedia e l'approfondimento offerto dall'articolo sopra citato mi hanno aiutato innanzitutto nella conoscenza di un argomento per me sconosciuto, ed in secondo luogo a comprenderne l'importanza in relazione alla disabilità. In particolare del video mi è piaciuto il notare come le diverse azioni dell'"orologio" di Andrea venissero non sono facilitate ma aalcune anche rese possibili dalla tecnologia (rispondere al citofono, aprire la porta...)e questo come sottolineato dalla madre gli ha restituito una maggiore indipendenza e quindi potenziato le sue risorse; e in linea con ciò è quanto scritto nell'articolo sopra citato, del quale mi è piaciuto proprio il ripercorrere le diverse azioni che normalmente svolgiamo nella giornata perchè mi ha richiamato alla mente l'esercizio dell'orologio, la testimonianza di Adele, le prime lezioni sulle barriere architettoniche e sui diversi concetti di menomazione, deficit ed handicap, fino ad arrivare alle ultime lezioni sugli ausili.
    Partendo dal presupposto, più volte sottolineato nel nostro corso, che l'handicap è dato dal contesto, è cioè una condizione di svantaggio conseguente a una menomazione o a una disabilità che in un certo soggetto limita o impedisce l’adempimento del ruolo normale per tale soggetto in relazione all’età al sesso e ai fattori socioculturali, possiamo meglio comprendere l'importanza della domotica che può senz'altro aiutare a costruire percorsi che puntino all'emancipazione delle persone con disabilità migliorandone l'autonomia e la vita relazionale, fornendo ausili, ossia strumenti ad alto contenuto di tecnologia per accrescere il livello di autonomia e ridurre la dipendenza...la domotica aiuta a superare dei limiti...è una tecnologia che non atrofizza ma aiuta. L'ottica è quella dell'empowerment: lo sviluppo delle nuove tecnologie ha favorito la realizzazione di ausili computerizzati che si sono rivelati fondamentali per una serie di disabilità ritenute prima irrecuperabili, con l'obiettivo di migliorarne la qualità di vità. E'chiaro che percorsi volti a ridurre l'handicap devono affiancare alle scoperte tecnologiche, anche la capacità da parte dello istituzioni e della cittadinaza tutta di garantire pari opportunità, tendendo sempre verso una reale inclusione che renda la persona con disabilità un cittadino a pieno titolo, mettendo in atto percorsi idonei e progetti come quello "Emozioni di conoscere e desiderio di esistere", raccontatoci dala nostra collega circa il suo tutoraggio ad una giovane donna affetta dalla sindrome di down, progetto che ho trovato veramente ben fatto perchè tarato sulle esigenze di quella specifica persona in quel preciso momento. Tornando alla domotica penso che è senz'altro da assumere come modello il comune "domotico", ma è altrettanto vero che non si può non prendere atto che per ora siamo ben lontani da questa realtà....gli stessi costi altissimi sono un limite non da poco...
    Come tutte le cose credo che dietro ogni tecnologia ci sia l'uomo...il suo essere uomo...la sua dignità di appartenente alla specie umana ...è questo che rende una casa o un comune intelligente...o un computer....o..ecc.... l'uso che egli ne fa....e per quale fine decide di mettere a servizio la sua di intelligenza e dunque la tecnologia da lui creata. Se c'è questo c'è civiltà, rispetto dei diritti di tutti, la possibilità per tutti di sentirsi cittadini a pieno titolo....capacità di andare oltre...se non c'è questo creiamo solo mostruosità che ci isolano, ci alienano o ci de-responsabilizzano verso l'altro e riducono non l'handicap ma la nostra umanità!!!

    Segnalo di seguito un link: Bandinelli-La domotica come ausilioper persone disabili e/o anziani. E' un power point che ho trovato molto completo e che riprende molti concetti affrontati nel nostro percorso
    www.sistemapiemonte.it/scuole/idd2003/dwd/bianchi_bandinelli.ppt

    Il nostro densissimo, stimolante e arricchente percorso si è poi concluso tornando alla resilienza, nostro punto di partenza... e con mia grande sorpresa l'esempio presentato è stato stavolta il papa Giovanni Paolo II...con mia grande sorpresa, perchè avevo inserito una canzone nel forum dei film per la stessa motivazione, visto che proprio in quei giorni dovevo presentare la sua figura ad un gruppo di ragazzi e "ispirata" da questo corso lo presentai sottolineandone proprio la resilienza ed il desiderio di comunicare, soprattutto con i giovani....
    ...dunque....più in sintonia di così...!!! ;-)


    Ultima modifica di silvia.ferrante il Gio Mag 12, 2011 10:01 pm, modificato 3 volte
    avatar
    silvio valentina

    Messaggi : 20
    Data d'iscrizione : 07.03.11

    Re: 18. ultima lezione DOMOTICA ( si chiuderà il 15/05)

    Messaggio  silvio valentina il Gio Mag 12, 2011 8:23 pm

    DOMOTICA: casa del futuro o casa intelligente!
    Oggi in aula abbiamo conosciuto questo nuovo termine; forse nuovo per me perchè non ne conscevo il vero significato ma in realtà questa innovazione è nata già da un pò di anni. Grazie alla visione di alcuni video ho avuto modo di chiarirmi le idee soprattutto riguardo alla funzionalità e alle finalità che essa ci propone.
    Il termine DOMOTICA deriva dal latino DOMUS che significa casa..... Una casa non come quella a noi comune ma una di quelle dove i dispositivi elettronici ed elettrici comunicano tra di loro permettendo scenari e funzioni di automazione complesse!! Quindi la domotica è adatta soprattutto a coloro che, a causa di problemi motori, non possono svolgere azioni autonomamente, che in una casa inevitabilmente si è costretti ad affrontare. Allora, possiamo pensare che è una casa ingeniata appositamente per persone disabili e anziani che vivono da soli. In realtà essa non nasce specificamente per queste persone ma per esigenze di comfort, sicurezza e risparmio energetico, però presenta aspetti interessanti per le loro esigenze e per aiutare ad incrementare il livello di autonomia portando loro a migliorare la qualità della vita. Sembra di raccontare qualcosa di surreale ma guardando avanti è la realtà! Basti pensare all'esempio di Andrea Ferrari,un ragazzo disabile, il quale grazie a queste sofisticate tecnologie della nostra epoca, riesce ad essere autonomo e addirittura indipendente nelle sue azioni quotidiane!!!Un'invenzione veramente utile!Infatti in questo caso specifico la chiamerei veramente casa intelligente perchè da la possibilità a qualunche indivduo di vivere senza ostacoli la propria indipendenza senza, ma dall'altra faccia della medaglia penso che per noi sia utile ma limitatamente! Perchè continuare a creare comfort per persone che sono possono muoversi, agire e sollevare oggetti!Continuo ad immaginare un futuro robotico e inerte nel quale diventeremo tutti pelandroni che non avranno voglia nemmeno più di alzare un dito! Che tristezza!
    avatar
    martina miccoli

    Messaggi : 15
    Data d'iscrizione : 05.03.11
    Età : 28
    Località : san giorgio a cremano

    Re: 18. ultima lezione DOMOTICA ( si chiuderà il 15/05)

    Messaggio  martina miccoli il Gio Mag 12, 2011 8:23 pm

    Il termine domotica deriva dal neologismo francese “Domotique”,il quale a sua volta ha origine dalla parola latina “Domus”vale a dire casa!!Si tratta di sistemi e impianti per case e abitazioni..Sono create per far vivere con più serenità e comodità le persone disabili nella propria casa..!!Non avevo mai visto cose del genere a riguardo..l'ultimo video spiega in breve cosa sono,con un semplice gesto si riesce ad abbassare le persiane,accendere i riscaldamenti,rispondere al telefono o citofono con un solo gesto!!Visto che si spendono molti soldi per far sì che una casa normale...diventi una cosiddetta casa "intelligente" io credo che si debba insistere soprattutto con le "barriere" di cui parlammo proprio le prime lezioni...queste persone debbano avere sicurezza sia in casa loro,sia per strada...e non solo quando si pagano tanti soldi!

    mariagrazia villoni

    Messaggi : 20
    Data d'iscrizione : 10.03.11

    La domotica

    Messaggio  mariagrazia villoni il Gio Mag 12, 2011 8:24 pm

    [b]La domotica è quello che noi definiamo "casa intelligente", la parola stessa, domotica, deriva dal latino e significa casa. Essa studia le tecnologie volte a migliorare la qualità della vita dei diversamente abili attraverso impianti, sistemi e apparecchiature sofisticate, che permettono ai disabili di essere quasi autonomi, dando loro un senso di sicurezza e fiducia in se stessi.
    Questo tipo di casa ,però, costa molto e non tutti possono permettersi queste tecnologie rendendo quindi la loro vita quotidiana, molto difficile.
    Andrea, costretto su una sedie a rotelle, è uno dei fortunati ad usare la tecnologia domotica che gli conferisce molta autonomia, infatti gli permette di telefonare, rispondere al citofono, accendere o spegnere la luce, e tanto altro; tutto questo rende possibile a sua madre di assentarsi e lasciarlo da solo sapendo che il figlio è al sicuro.
    Nel precedente commento ho esposto un parere non del tutto positivo verso la tecnologia, devo ammettere però di approvare a pieno la domotica, anche se credo che dovrebbe essere affiancato dall'amore e dalla consapevolezza che anche se il mondo esterno può far paura, lo si deve affrontare perchè uscire, incontrare altre persone, fare amicizie, è importante per queste persone che devono superare tante difficoltà.
    [b]

    LuciaDeGregorio88

    Messaggi : 17
    Data d'iscrizione : 03.03.11
    Età : 30
    Località : napoli

    Re: 18. ultima lezione DOMOTICA ( si chiuderà il 15/05)

    Messaggio  LuciaDeGregorio88 il Gio Mag 12, 2011 8:31 pm

    la domotica è davvero il futuro,e rendere migliori le vite di chi davvero ne ha bisogno..non ha parole!noi futuri educatori,per quanto possiamo ascoltare,creare un 'ambiente sereno,avere un rapporto di scambio alla pari,saper migliorare e stimolare il disabile non potremmo mai garantigli una vera e propria autonomia, ed invece oggi ,grazie alla tecnologia anche loro possono riappropiarsi di una vita vera,vissuta.il video della casa è incredibile e va davvero oltre i film di fantascienza ,ma bellissimo è stato anche vedere il video di quel ragazzo,mostrato oggi da una collega,su un disabile AUTONOMO ALL'UNIVERSITà...!!!!!!!è eccezionale tutto ciò.credo che come tutte le cose abbia i suoi pro e contro,ma in sincerità i contro li vedo nella vita frenetica,spesso senza senso e poco attenta di noi normodotati ,perchè concordo con Longo sull'atrofizzazione di alcuni sensi ,e crdo che prima di farsi invadere totalmente dalla tecnologia,prima di seguire la massa ,ognuno di noi dovrebbe capire bene ciò che ha davanti e riuscire ad utilizzarlo al meglio ,senza lasciarsi invadere dal tutto.concludo dicendo che per quanto riguarda i disabili la domotica è davvero un miracolo di dio,ma per quello che ho visto dell'utilizzo negli appartamenti di persone normodotate...bhè ...li dico che è uno spreco,è davvero solo un 'INVASINE,un cybernizzarsi perdendo totalmente le caratteristiche dell'uomo.abbiamo u corpo che funziona,delle emozioni non dimentichiamolo e diamo spazio ,anzi diritto a chi diversamente come noi molte cose normali e semplici non può farle.RENDE MOLTO PIù INVIDIABILI RICEVERE UN SORRISO,CHE AVERE UNA CASA SUPER TECNOLOGICA!

    nunzia puocci

    Messaggi : 19
    Data d'iscrizione : 07.03.11

    Re: 18. ultima lezione DOMOTICA ( si chiuderà il 15/05)

    Messaggio  nunzia puocci il Gio Mag 12, 2011 8:33 pm

    oggi in aula abbiamo parlato della domotica ovvero tecnologie atte a migliorare la qualità della vita nella casa e più in generale negli ambienti antropizzati. Il termine domotica deriva dal latino domus che significa casa",questa area fortemente interdisciplinare richiede l'apporto di molte tecnologie e professionalità, tra le quali ingegneria edile, elettrotecnica, elettronica e informatica. che tendono a migliorare la qualità della vita.
    La domotica svolge un ruolo importante nel rendere intelligenti apparecchiature, impianti e sistemi. Ad esempio un impianto elettrico intelligente può autoregolare l'accensione degli elettrodomestici per non superare la soglia che farebbe scattare il contatore.abbiamo visto un video nel quale era protagonista un uomo che impossibilitato a muoversi e a svolgere qualsiasi atto semplice.In relazione con la domotica ha cambiato il proprio stile di vita ad es: quando suona il campanello non c'è bisogno che lui vada vicino alla porta per apire ma grazie a questa tecnologia basta premere un pulsante ed è tutto più semplificato.da qui si può riflettere che non tutto ciò che è tecnologia è negativa ma bensì che esistono questi strumenti che rendono la vita di tante persone facilitata,e questo è molto importante, in quanto rendono coloro che essendo disabili possono vivere in modo autonomo senza chiedere sempre, perchè come ben si sa al disabile non piace che gli altri abbiano pietà di loro ma vogliono solo fare le cose o almeno quelle che possono fare senza problemi da soli...
    essendo l'ultimo commento concludo con un GRAZIE,grazie alla prof briganti che con questo forum e con il corso svolto all'università ho visto ed ho sentito emozioni forti...grazie ancora e a presto spero....





    avatar
    ivana cannavale

    Messaggi : 29
    Data d'iscrizione : 03.03.11
    Età : 28
    Località : napoli centro

    Re: 18. ultima lezione DOMOTICA ( si chiuderà il 15/05)

    Messaggio  ivana cannavale il Gio Mag 12, 2011 8:43 pm

    OGGI è STATA UNA GIORNATA TRISTE MA NELLO STESSO TEMPO RICCA DI EMOZIONI SIICOME è STATA L'ULTIMA.ABBIAMO TRATTATO IN BREVE GLI ARGOMENTI PRINCIPALI DEL NOSTRO CORSO OSSIA LA RESILIENZA ATTRAVERSO VIDEO DI PAPA GIOVANNI SECONDO,LA FIGURA DELL'EDUCATORE GRAZIE ALLA TESTIMONIANZA DI UNA NOSTRA "COLLEGA" FACENTE PARTE DEL PROGETTO AMICO IO CI PROVO! ED IN FINE LA DOMOTICA.
    COSA SARà MAI?
    VIENE DEFINITA DA MOLTI COME LA TERZA RIVOLUZIONE INDUSTRIALE IN QUANTO TRATTA DELLE TECONOLOGIEAVANZATE E ALL'AVANGUARDIA(ARGOMENTO CHE TRATTERò IL 19/05/2011)CHE POSSONO PORTARE MOLTI BENEFICI.
    PERò NELLO STESSO TEMPO C'è DA RIFLETTERE SULLA DOMANDA CHE CI PONE GRANELLI OSSIA:LA TECNOLOGIA STA DAVVERO MODIFICANDO A PIENO IL CORPO UMANO?ARTIFICIALIZZAZIONE OPPURE NO?
    OGGI AFFERMA IL NOSTRO AUTORE IL Sè è DIGITALE,QUESTE TECNOLOGIE SON FATTE PROPRIO PER POTENZIARE LE CAPACITà(UOMO BIONICO) UNA SORTA DI TECNOPOTENZIAMENTI.
    LA DOMANDA ULTERIORE CHE CI SIAMO POSTI è STATA QUELLA:CHE RAPPORTO Cè TRA TECNICA E CULTURA?SONO UTILI O MENO?MENTRE TRA TECNICA E MEDICINA,SCORRE BUON SANGUE?
    SICURAMENTE A TUTTE QUESTE DOMANDE E NON SOLO,QUALCOSA DI DEFINITO NON CI PUò MAI ESSERE IN QUANTO è UN ARGOMENTO TROPPO VASTO E TOCCA MOLTE TEMATICHE ANCHE DELLA NOSTRA REALTà QUOTIDIANA.
    L'UOMO è A TUTTI GLI EFFETTI UN ESSERE MANCHEVOLE DI CONSEGUENZA LA TECNOLOGIA ANCHE SENZA MOTIVI FONDATI AGISCE E BASTA SU DI ESSO(GALIMBERTI).PERò ALLO STESSO TEMPO NOI TUTTI ABBIAMO PRESO LA MANO NON RIUSCIAMO A VIVERE O PENSARE LA NOSTRA VITA SENZA DI ESSE.
    FACCIAMO UN TUFFO NEL PASSATO,I NOSTRI NONNI O GENITORI ASPETTAVANO TANTO IL SABATO PER VEDERE PER UN ORA LA LORO TRASMISSIONE TANTO ATTESA,RIUNITI SUL DIVANO TRA SORRISI E SEMPLICI BATTUTE SI DIVERTIVANO COSI E NOI?
    MAH CHE DIRE BOMBARDATI SEMPRE DI PIù,ANZI ABBIAMO ANCHE UN AVASTA GAMMA CI LAMENTIAMO ECC è PROPRIO QUESTO IL PUNTO IL TROPPO STORPIA!
    QUESTO è UNO DEI TANTI ESEMPI CHE POTREMMO PRENDERE IN CONSIDERAZIONE SIAMO VESTITI DI TECNOLOGIE DALLA MATTINA ALLA SERA AL POSTO DEL PUPAZZO ABBIAMO IL NOSTRO AMICO FEDELE NO SEMPRE IL CELLULARE CAMMINIAMO PER STRADA RISCHIANDO LA MORTE PURCHè ASCOLTIAMO DALL'ALTRA PARTE UN'AMICA O LA NOSTRA DOLCE META TRAMITE BLUTOOTH.
    è PROPRIO VERO I SENSI SI SONO ATROFIZZATI C'è TROPPA CONFUSIONE SENSORIALE E SEMPRE DI PIù COME ACCENNA (POPITZ LA TECONOLOGIA ALLARGA IL CAMPO DEL SUO OPERARE GIORNO DOPO GIORNO) E NOI SIAMO LI IMPOTENTI A GUARDARE.
    avatar
    Annapina Di Fraia

    Messaggi : 32
    Data d'iscrizione : 03.03.11
    Età : 31

    Re: 18. ultima lezione DOMOTICA ( si chiuderà il 15/05)

    Messaggio  Annapina Di Fraia il Gio Mag 12, 2011 8:59 pm

    Stamattina in aula abbiamo trattato l'ultimo argomento del nostro bellissimo corso abbiamo parlato infatti della DOMOTICA.Ammetto per ignoranza che non conoscevo cosa fosse prima di parlarne.Si tratta appunto attraverso la moderna tecnologia di rendere automatizzate le abitazioni, ma anche gli uffici attraverso tutta una serie di dispositivi all'interno degli impianti elettrici con lo scopo appunto di migliorare la vita,aumentando il comfort, la sicurezza all'interno della propria casa. A primo impatto puo sembrare soltanto uno sfizio facoltoso di un pubblico ad altissima fascia, ma in realtà abbiamo visto attraverso il video di ANDREA FERRARI come possa essere diventata un'arma indispensabile per disabili motori proprio come ANDREA che come lui vogliono riappropriarsi della propria autonomia. Infatti Andrea è un disabile che ha scelto di vivere da solo e grazie appunto all'impianto con domotica interno alla sua casa puo appunto gestire l'intera abitazione da un punto della casa senza il minimo sforzo fisico, ma con un semplice tocco, per esempio avvalendosi di automazioni alza e abbassa le tapparelle, accende le luci,gira attraverso un telecomando il televisore a suo piacere, ma soprattutto riesce a comunicare e a controllare tutto attraverso un computer, puo infatti vedere chi bussa al suo citofono e aprire con un clic la porta, puo fare videochiamate ai suoi amici. Insomma tutto ciò ha migliorato notevolmente la sua vita infatti anche i suoi genitori che appunto hanno accettato la sua volontà a voler abitare da solo, si sono resi conto che quella è la sua vita ed è quella che lui voleva vivere, perchè adesso lui si sente veramente autonomo e loro lo vedono veramente sereno. Fortunatamente la tecnologia oggi ha fatto passi da giganti mettendo a disposizione innumerevoli sistemi studiati appositamente per i disabili e questo ha reso la vita di essi meno complicata, perchè ha permesso loro di non dover dipendere piu completamente dai propri familiari o amici e questo è un aspetto positivo perchè in questo modo è possibile riacquistare anche una propria autostima,ma soprattutto è possibile soddisfare i propri bisogni reali quello appunto di riacquistare una propria libertà, non sentendosi piu diversi dagli altri.[url=http://www.domusidea.com/la-domotica-e-la-disabilita]http://www.domusidea.com/la-domotica-e-la-disabilita[/url

    Vorrei fare un semplice ringraziamentO alla nostra cara docente Briganti, la nostra moderatrice Nunzia e tutti coloro che hanno reso possibile questo bellissimo corso, che ci ha arricchito profondamente, lasciandoci tante nozioni, ma soprattutto ci ha arricchito di emozioni.. GRAZIE DI CUORE PER QUESTO BELLA ESPERIENZA..CHE CI HA FATTO CRESCERE TANTO. Surprised
    avatar
    martina saiano

    Messaggi : 25
    Data d'iscrizione : 07.03.11

    Re: 18. ultima lezione DOMOTICA ( si chiuderà il 15/05)

    Messaggio  martina saiano il Gio Mag 12, 2011 9:02 pm

    La domotica è la scienza interdisciplinare che si occupa dello studio delle tecnologie atte a migliorare la qualità della vita nella casa e pù in generale negli ambienti antropizzati. Il termine domotica deriva dal latino domus che significa "casa". (http://it.wikipedia.org/wiki/Domotica). Come si può facilmente evincere da tale definizione, la domotica è una scienza che permette di migliorare la qualità della vita in casa, sia quella dei normodatati sia quella di persone con handicap fisici. A mio avviso, nel caso dei normodotati, il progetto di una casa intelligente può risultare soltanto un capriccio; ma se la domotica viene utilizzata per persone disabili, ritengo che tale scienza possa sortire solo effetti positivi. Come si evince dai video proposti dalla professoressa, infatti, la casa intelligente permette ai disabili di riacquistare l'indipendenza nella propria casa, anche se minima. Andrea Ferrari, ad esempio, come si può osservare da uno dei video, è un signore costretto a stare sulla sedia a rotelle, ma che grazie alla tecnologia riesce ad essere abbastanza autonomo senza l'aiuto di altre persone; riesce, infatti, a parlare al telefono e a rispondere al citofono tramite il pc, può accendere e spegnere le luci e la televisione semplicemente premendo i tasti di un telecomando ecc. Quindi, se fino a qualche anno fa una casa del genere poteva essere soltanto immaginata, oggi grazie all'ausilio della tecnologia esiste e agevola la vita dei disabili. Purtroppo questa nuova tecnologia, come del resto lo sono la maggior parte, è molto costosa e non tutti posso così permettersi di avere queste notevoli agevolazioni nella loro quotidianità. E' auspicabile, perciò, che in futuro siano le istituzioni stesse a convenzionare tali apparecchiature in quanto possono essere di notevole beneficio per i disabili. Sono davvero convinta che questo tipo di tecnologia possa aiutare i disabili anche dal punto di vista emotivo. A tal riguardo mi viene in mente la lezione del 2 maggio durante la quale ci è stata presentata Adele che, nel raccontarci la sua esperienza, ha sottolineato più volte l'importanza dell'indipendenza ma ha anche espresso il suo desiderio di non vedere negli ochhi delle persone che la guardano la pietà. Penso sinceramente che ausili di questo tipo darebbero l'impressione ai disabili di condurre una vita alquanto "normale" e spero perciò che in futuro possano essere alla portare del maggior numero di persone possibile.
    Voglio concludere questo mio commento ringraziando la professoressa Briganti e la sua assistente Nunzia per averci dato la possibilità di osservare più da vicino il mondo della disabilità , il quale ha sempre più bisogno di persone esperte che possano aiutare coloro che ne fanno parte.
    Martina Saiano.
    avatar
    Daniela Vellecchi

    Messaggi : 23
    Data d'iscrizione : 03.03.11

    Re: 18. ultima lezione DOMOTICA ( si chiuderà il 15/05)

    Messaggio  Daniela Vellecchi il Gio Mag 12, 2011 9:10 pm

    Oggi con l'ultimo laboratorio del corso, ci è stato proposto un filmato che ci illustrava gli effetti della domotica, la scienza che si occupa delle tecnologie interessate alla costruzione di arredamenti per interni delle case e altri ambienti con lo scopo di migliorare la vita delle persone con disabilità e migliorare la sicurezza in casa.
    Il punto principale è sempre l' INDIPENDENZA e chi ha imparato a convivere con la disabilità ha il diritto ad esserlo e credo che la domotica sia un passo in avanti incredibile.
    Il video che abbiamo visto oggi ci ha fatto intendere al meglio quanto può essere sicura una persona in una "casa intelligente", certo questo tipo di ambiente non è per le tasche di tutti e spero davvero che un giorno tutte le persone con grave disabilità possano sentirsi libere in casa propria con questa tecnologia.
    Durante l'arco del corso abbiamo visto e studiato le tre tecnologie, quella integrativa,estensiva ed invasiva, abbiamo esaminato i pro e i contro di ognuna di esse e sono arrivata alla conclusione che dobbiamo pensare alla tecnologia come nostra "amica".
    Si sa che l'esagerazione non porta nulla di buono, quindi prendiamo il possibile, prendiamo il positivo e accogliamo tutto ciò che di vitale può portarci; le protesi per lo sportivo non normo-dotato (Pistorius), il cellulare, il web e le mail per sentirci più vicini anche se lontani, il pace-maker (esempio limite di cyborg); sono tutti aspetti positivi perchè sappiamo che il corpo umano non è completo.
    Infine volevo ringraziare la prof. per aver pensato di concludere questo corso con l'esempio di grande umanità e resilienza del papa Giovanni Paolo II...grazie di tutto Prof!! Very Happy
    avatar
    veronica spinosa

    Messaggi : 23
    Data d'iscrizione : 09.03.11
    Età : 28
    Località : napoli

    lezione sulla Domotica

    Messaggio  veronica spinosa il Gio Mag 12, 2011 9:21 pm

    Quest'oggi abbiamo parlato dell'utilizzo della Domotica, quale tecnologia che viene utilizzata solitamente per l'arredo volta a migliorare la qualità della vita in casa, però purtroppo resta una tecnologia molto costosa che non tutti possono per tale motivo, sperimentare....Abbiamo visto un video sull'approccio di questa tecnologia da parte di Andrea, un ragazzo disabile ingrado di raggiungere, nonostante le sue difficoltà, livelli eccellenti nel campo universitario.... Andrea proviene da una famiglia benestante, una famiglia attenta è disponibile ad offrire al giovane qualsiasi tipo di confort in casa che possa aiutarlo a diventare autonomo nei suoi movimenti... La tecnologia della domotica in questi termini permette infatti di controllare automaticamente e a distanza sistemi di energia, sistemi di illuminazione, di aria condizionata, etc... Permette quindi al disabile di vivere in condizioni di maggiore tranquillità e sicurezza ma al contempo lo rende capace di emaciparsi dai suoi limiti....Nella lezione precedente ci siamo posti una domanda... Le tecnologie atrofizzano o potenziano il corpo dell'uomo talvolta considerato incompleto? A questa domanda vorrei riconoscere validità al beneficio che questo nuovo approccio ha apportato nella vita di Andrea e di quelle persone che vivono la sua stessa condizione.. In questo caso la tecnologia si è confiugurata come strumento necessario per acquisire indipendenza dalla propria disabilità, come strumento che probabilmente fortifica e rassicura il soggetto che ne fa uso, perchè gli permette di raggiungere quel livello necessario per non sentirsi inferiore ad un suo coetano e quindi credo che questo possa concretamente motivare la persona a reagire difronte alla sua disabilità con un spirito diverso, con una volontà e una propensione a condurre il quotidiano secondo le sue aspettative.... Quindi , se pur per certi versi credo che la tecnologia ci allontani dal reale, dal profondo e dal contatto vero con la vita, per queste persone si è confiuguarata come una vera opportunità per liberarsi dai vincoli di una Disabilità....
    avatar
    mariafabiano

    Messaggi : 30
    Data d'iscrizione : 04.03.11

    Re: 18. ultima lezione DOMOTICA ( si chiuderà il 15/05)

    Messaggio  mariafabiano il Gio Mag 12, 2011 9:23 pm

    Oggi è stata l’ultima lezione del corso e abbiamo affrontato il tema della “domotica” cioè una nuova tecnologia che ci permette di migliorare lo stile di vita all’interno della tua casa e più in generale negli ambienti antropizzati, utilizzando apparecchiature, impianti e sistemi capaci di funzionare autonomamente o con l’aiuto di un piccolo computer che permette di svolgere i comandi impartiti dall’utente.
    Oggigiorno, questo tipo di tecnologia viene utilizzato nelle case moderne per design oppure per risparmio energetico. La maggior parte degli impianti utilizzati sono il videocitofono, illuminazione, climatizzatore, invece oggi durante la visione di un video ho notato con piacere che questo tipo di tecnologie aiutano a rendere autonomi e indipendenti anche i disabili, infatti il protagonista del cortometraggio è riuscito a svolgere tutte le attività all’interno della sua stessa casa senza l’aiuto di nessuno. La domotica purtroppo non è accessibile a tutti, essa richiede un costo elevato che non tutti possono permetterselo, però a me farebbe piacere se lo Stato riuscisse a mettere a disposizione alcuni fondi per coloro i quali ne hanno veramente bisogno, proprio come succede in un programma televisivo “ extreme makeover home edition” trasmesso in tv su Real time.
    Ma secondo voi come mai qui in Italia non abbiamo cose del genere? Forse perchè da noi non esistono certe associazioni benefiche?! Forse perchè non ci sono i fondi sufficienti per crearle?!?
    Mah, comunque io vorrei tanto che ci fosse una cosa del genere anche qui che desse la possibilità a famiglie con problemi, di tornare in pista. Durante il corso abbiamo parlato delle diverse tecnologie e ci chiediamo ma “La tecnologia potenzia o atrofizza le capacità dell'uomo”?Personalmente credo che in base a come viene utilizzata può portare risultati positivi o negativi. La tecnologia ci potenzia nel momento in cui viene utilizzata come ha fatto Pistorius cioè per rendersi autonomo e realizzare i propri sogni, ma può risultare atrofizzante nel momento non utilizziamo più i libri per effettuare una ricerca ma facciamo riferimento ad internet e diventiamo schiavi della tecnologia.




    Annalisa Nunziata

    Messaggi : 17
    Data d'iscrizione : 14.03.11

    Re: 18. ultima lezione DOMOTICA ( si chiuderà il 15/05)

    Messaggio  Annalisa Nunziata il Gio Mag 12, 2011 9:28 pm

    Nella lezione di oggi abbiamo parlato di DOMOTICA che letteralmente significa casa automatica,una scienza che studia la teccnologia per migliorare la qualità di vita nelle case.La casa domotica dà la possibilità alle persone disabili di essere autonome.Dal video su Andrea, un ragazzo disabile che vive da solo su una sedia a rotelle possiamo vedere e capire come questo tipo di tecnologia facilita la sua vita,ma purtroppo è molto costoso e nn tutti se lo possono permettere.........

    Emanuela Di Maio

    Messaggi : 23
    Data d'iscrizione : 03.03.11

    Re: 18. ultima lezione DOMOTICA ( si chiuderà il 15/05)

    Messaggio  Emanuela Di Maio il Gio Mag 12, 2011 9:29 pm

    Oggi in aula, abbiamo affrontato l'argomento della "DOMOTICA". La Domotica, a detta di una ricerca fatta su Wikipedia, è una scienza interdisciplinare che si occupa dello stato delle tecnologie atte a migliorare la qualità della vita. E' stupefacente, vedere come una semplice tecnologia possa aiutare una persona, specialmente diversamente abile a muoversi in casa. Mi ha colpito molto, il video del ragazzo che su una sedia a rotelle, poteva accedere alla mobilia più alta della cucina, per poter cucinare. Io, sono a favore della Domotica, specialmente dal grande aiuto che da a persone disabili. Tale tecnologia, tende a far diventare le apparecchiature più intelligenti. Possiamo attribuire solo commenti positivi a tale tecnologia. Vorrei chiudere questo commento, dato che è l'ultimo. Mi dispiace che con oggi si conlude una delle esperienze più belle fatte nel corso della mia vita. Grazie a questo corso ho avuto modo di capire tante cose che io ne ero all' oscuro, problemi che noi stiamo studiando proprio per poter dare una mano utile. Ringrazio, la professoressa Briganti, per essere stata un faro che ci ha guidati verso la luce. Grazie ancora, carissima prof... Con tanto affetto,
    Emanuela Di Maio !!! :-)
    avatar
    AnnaDiSarno86

    Messaggi : 32
    Data d'iscrizione : 05.03.11
    Età : 31
    Località : Frattamaggiore(na)

    Re: 18. ultima lezione DOMOTICA ( si chiuderà il 15/05)

    Messaggio  AnnaDiSarno86 il Gio Mag 12, 2011 9:41 pm

    Oggi in aula abbiamo parlato di una nuova tecnologia:la domotica.
    La domotica è una tecnologia per arredamento, ed è molto interessante quando viene utilizzata per i disabili. Il filmato visto in aula ha messo in evidenzia il lato positivo della domotica, migliora la vita del disabile, gli permette di restare solo in casa e di compiere determinate azioni da solo. Le soluzioni domotiche consentono di incrementare l'autonomia delle persone e migliorarne la qualità della vita.
    "La tecnologia potenzia o atrofizza le capacità dell'uomo"?Secondo me tutto dipende da noi, e dal modo in cui le tecnologie vengono utilizzate. A tutto c’è un limite.
    Inoltre abbiamo concluso questa lezione con un tema che ci ha accompagnato dall’inizio del corso la resilienza vedendo alcuni video del papa WOJTYLA, e la prof con questo suo saluto ci ha fatto notare che il Papa anche se non stava bene ha portato a termine da resiliente il suo lavoro di relazione educativa!Quelle scene mi hanno fatto commuovere!GRAZIE!!!!
    Spendete bene la vita, è un tesoro unico. Prendete in mano la vostra vita e fatene un capolavoro.
    avatar
    NicolinaBelluomo

    Messaggi : 26
    Data d'iscrizione : 03.03.11
    Età : 28

    ultima lezione-domotica

    Messaggio  NicolinaBelluomo il Gio Mag 12, 2011 10:23 pm

    Oggi 12/05/2011 dopo un lungo percorso educativo,ma nello stesso tempo interessante in tutti i suoi aspetti,da avere la sensazione che durante le lezioni il tempo voli,abbiamo affrontato l’ultima lezione parlando del concetto di domotica.
    Il significato più immediato di domotica è quello di casa automatizzata o intelligente,più concretamente indica la disciplina che si occupa di integrare,cioè far dialogare gli impianti che si trovano all’interno di un edificio per migliorarne le funzionalità.
    La scienza domotica è la disciplina che permette alla casa di essere in armonia con i suoi abitanti,infatti come abbiamo visto dal video in aula,un ragazzo con disabilità attraverso un computer riusciva a svolgere mansioni come tutti noi,ad esempio rispondere ed aprire al videocitofono,rispondere al telefono..,senza aver bisogno del supporto di qualcuno.
    La domotica è una tecnologia usata per l’arredamento esterno,ma soprattutto interno,che permette a chi è solo e necessita di aiuto anche semplicemente per accendere la luce,di essere autonomo,migliora quindi la qualità della vita attraverso nuove funzionalità non disponibili con impianti tradizionali.
    Casa,ufficio,albergo: ogni edificio può beneficiare dell'armonia donata dal sistema,tale sistema applicato coordina il funzionamento di tutti gli equipaggiamenti tecnologici dell'edificio, controllando e supervisionando in maniera distribuita,centralizzata ed integrata ogni dispositivo elettrico,elettronico,meccanico,idraulico e termico.
    Come ci ha spiegato la prof. Popitz propone un ipotesi postumanista,alla domanda di Granelli:la tecnologia potenzia o afrotizza le capacità dell’uomo?esso risponde si,può modificare,in particolare Popitz dice “la tecnologia non completa l’uomo,semmai allarga il campo del suo operare,del suo potere.
    Inoltre come abbiamo ripetuto più volte in aula,ci sono persone che non usano,non conoscono e non vogliono conoscere la tecnologia,anche se oramai fa parte del nostro vivere quotidiano,siccome tutto è tecnologia,anche vestiti,casa,auto…altre invece dipendenti da esse,io penso che non esiste solo la tecnologia,ma è bello sapere che attraverso di essa ci sono persone che riescono a vivere con più tranquillità,perché si sentono,ma soprattutto vivono in autonomia,per questo ritengo che un uso adeguato ci può solo migliorare.


    Contenuto sponsorizzato

    Re: 18. ultima lezione DOMOTICA ( si chiuderà il 15/05)

    Messaggio  Contenuto sponsorizzato


      La data/ora di oggi è Mar Mag 22, 2018 11:57 am